0 risultati
video suggerito
video suggerito
22 Febbraio 2024
14:32

5 aerei di linea hanno superato la velocità del suono spinti da correnti a getto record

Il 18 febbraio 5 aerei di linea hanno superato la velocità del suono grazie alle correnti a getto che hanno raggiunto i 425 km/h sopra Washington. Ma come è possibile? E perché non c'è stato alcun boom sonico?

864 condivisioni
5 aerei di linea hanno superato la velocità del suono spinti da correnti a getto record
aereo supersonico linea

Cinque aerei commerciali, tra cui quello del volo Virgin Atlantic Flight 22 da Washington a Londra, hanno superato la velocità del suono grazie alla corrente a getto che, il 18 febbraio, ha fatto registrare la seconda velocità più alta mai rilevata (fino a 426 km/h). Grazie a questa spinta i voli hanno superato i 1200 km/h, superando la velocità del suono e atterrando alle rispettive destinazioni – secondo la stampa USA – con un anticipo fino a 45 minuti. Si tratta di velocità enormi, ben superiori ai normali 900 km/h di crociera ma tolto un po' di spavento, qualche sobbalzo e la fusoliera tremante, non sono stati registrati particolari disagi. Ma cosa sono esattamente le correnti a getto? E come hanno fatto gli aerei a superare la velocità del suono senza avere però avere un boom sonico?

Perché le correnti a getto accelerano gli aerei?

Le correnti a getto (jet stream in inglese) possono essere immaginate come dei "fiumi d'aria" che scorrono principalmente da ovest verso est in entrambi gli emisferi per diverse migliaia di chilometri. Si trovano a circa 10-12 km dal suolo (quindi sotto alla cosiddetta "tropopausa") e vengono sfruttate soprattutto nel campo dell'aviazione. Infatti la presenza di una corrente a getto permette di risparmiare sia tempo che combustibile e ancora oggi infatti i voli commerciali allungano il percorso anche di svariate centinaia di km pur di farsi spingere (o non farsi contrastare) da una di queste correnti.

Il 18 febbraio il National Weather Service ha registrato con un pallone meteorologico una velocità record per questi venti pari a circa 426 km/h. Questo ha permesso agli aerei di sommare questa velocità alla loro, raggiungendo velocità incredibili. Questo è ad esempio quello che è accaduto al volo Virgin Atlantic Flight 22, da Washington a Londra, che ha raggiunto la velocità picco di 1290 km/h, dunque appena sopra alla velocità del suono. I dati sono forniti dal portale Flight Aware che monitora i principali parametro di ogni volo. Stesso discorso anche per altri 4 voli, tutti sopra alla velocità del suono e capaci addirittura di superare anche i 1350 km/h!

Ma… come è possibile che non si sia verificato un boom sonico in nessuno di questi casi?

Perché non c'è stato il boom sonico?

Solitamente quando un aereo supera la velocità del suono è possibile sentire un suono tipico che viene definito "boom sonico". In nessuno di questi casi però è stato registrato e la spiegazione è concettualmente semplice: infatti gli aerei è vero che hanno superato la velocità del suono, ma questo valore "record" è da considerare come la somma della velocità dell'aereo più quella della corrente a getto. Quindi in riferimento al suolo gli aerei andavano effettivamente oltre la velocità del suolo, ma non rispetto all'aria che li circondava.

Sostanzialmente possiamo dire che loro viaggiavano nell'aria alla solita velocità di crociera, ma l'aria attorno a loro si muoveva in modo insolitamente veloce!

Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views