0 risultati
video suggerito
video suggerito
1 Aprile 2024
6:00

Cosa si festeggia a Pasquetta e perché il Lunedì dell’Angelo è considerato festa nazionale

“Come ci organizziamo a Pasquetta?” è una domanda ricorrente in Italia perché nel nostro Paese il giorno successivo alla Pasqua, chiamato anche Lunedì dell'Angelo, è dedicato a gite e scampagnate. L’usanza, però, è poco diffusa nel resto del mondo.

A cura di Erminio Fonzo
1.150 condivisioni
Cosa si festeggia a Pasquetta e perché il Lunedì dell’Angelo è considerato festa nazionale
festa pasquetta cosa si festeggia lunedi angelo

Il giorno di Pasquetta, chiamato anche lunedì dell’Angelo o lunedì di Pasqua, commemora un evento narrato nei Vangeli: il giorno successivo alla resurrezione di Gesù, tre donne di nome Maria, note come le tre Marie, andarono presso la sua tomba per imbalsamare il corpo, ma trovarono il sepolcro vuoto e restarono sgomente fino a quando un angelo, apparso in cielo, non le informò che Gesù era risorto. È quindi una ricorrenza religiosa cristiana, ma è spesso vissuto come una festa civile, ufficialmente riconosciuta dalle istituzioni italiane e da quelli di molti altri Paesi per “allungare” di un giorno la Pasqua. Alla giornata di Pasquetta, che quest’anno cade il primo aprile, sono associate specifiche tradizioni popolari. In Italia, la più diffusa è quella della gita fuori porta. Nel resto del mondo Pasquetta non è considerata una data importante e attesa come in Italia. Nel nostro Paese persino i nomi della giornata sono diversi da quelli usati altrove.

Cosa si celebra a Pasquetta e perché si chiama Lunedì dell’Angelo

La domanda è meno banale di quanto possa apparire. Il termine Pasquetta – che, com’è facile intuire, è il diminutivo di Pasqua – è in uso solo in Italia ed è una parola di origine popolare diffusa da pochi decenni. Nel nostro Paese il giorno è chiamato anche Lunedì dell’Angelo, in ricordo dell'evento narrato dal Vangelo secondo Marco sull'angelo che annunciò la resurrezione di Cristo.

La denominazione Lunedì dell’Angelo, però, non è accolta ufficialmente dal calendario liturgico e, come Pasquetta, è usata solo in Italia. Negli altri Paesi la giornata successiva alla Pasqua è chiamata più genericamente Lunedì di Pasqua (Easter Monday in inglese, Lundi de Pâques in francese, ecc.).

Le tre Marie al sepolcro
Le tre Marie al sepolcro

Il significato religioso e perché si celebra di lunedì

Per la Chiesa, il Lunedì dell’Angelo è il secondo giorno del Tempo pasquale, un periodo che dura cinquanta giorni e dovrebbe essere vissuto con gioia per la resurrezione di Gesù. È anche il primo giorno dell’Ottava di Pasqua, che dura otto giorni. In passato il Tempo pasquale e l’Ottava erano vissuti con maggior coinvolgimento dalla popolazione, mentre oggi, pur facendo parte del calendario liturgico, sono pressoché ignorati. Per la Chiesa, del resto, il Lunedì dell’Angelo non è una festa di precetto e i fedeli non sono obbligati ad assistere alla messa. Pasquetta si celebra di lunedì per una ragione molto semplice: è il giorno successivo alla Pasqua che, come sappiamo, cade sempre di domenica.

Dove si celebra Pasquetta

Il lunedì di Pasqua è una festività civile, con scuole e uffici chiusi, in quasi tutta l’Europa, in vari Paesi africani, in Canada, in Australia e in altri Stati. È invece un normale giorno lavorativo in altri Paesi a maggioranza cristiana, tra i quali gli Stati Uniti e la Russia, nonché, logicamente, negli Stati nei quali prevalgono altre religioni.

In Italia Pasquetta è una festa pubblica dal 1947, quando il governo decise di allungare di un giorno le festività del Natale e della Pasqua, stabilendo che i giorni successivi alle due ricorrenze (Santo Stefano e il Lunedì dell’Angelo) non fossero lavorativi.

La gita fuori porta di Pasquetta

In Italia, la tradizione di Pasquetta più diffusa e radicata è la gita fuori porta, spesso intesa come scampagnata in comitiva per fare un pic-nic all’aperto o pranzare in un agriturismo. La tradizione si è diffusa soprattutto a partire dagli anni ‘50, il periodo del miracolo economico e della modernizzazione della società, e con il passare degli anni è diventata sempre più popolare. Per esempio nel 2023, secondo la Coldiretti, il 43% degli italiani ha partecipato a una gita. Non tutti gli italiani, però, scelgono pic-nic e agriturismi: altri cittadini preferiscono le città, i musei e le spiagge.

Il barbecue è molto usato a Pasquetta (credits Alessio Sbarbaro)
Il barbecue è un "accessorio" molto importante della gita di Pasquetta (credits: Alessio Sbarbaro)

Le usanze negli altri Paesi

La tradizione della scampagnata esiste in pochi altri Paesi, tra i quali la Spagna. In alcuni Stati sono diffuse usanze diverse. Per esempio, in Polonia la Pasquetta è chiamata popolarmente Śmigus-dyngus (lunedì bagnato), perché i ragazzi lanciano secchiate d’acqua verso le ragazze o, in altri casi, le colpiscono scherzosamente con rami di salice. La tradizione è osservata anche dagli emigranti polacchi che vivono all’estero.

Smigus-dyngus in Polonia nel 2010 (credits Silar)
Smigus–dyngus in Polonia nel 2010 (credits Silar)

In altri Paesi, inclusi molti di quelli che riconoscono il giorno come festività pubblica, non esistono usanze specifiche del Lunedì di Pasqua. Anche negli Stati Uniti – nei quali, come abbiamo visto, la giornata è lavorativa – non vi sono tradizioni popolari legate alla ricorrenza, ma esiste un’usanza che coinvolge la Casa Bianca: un gruppo di bambini sotto i tredici anni si riunisce su uno dei prati situati presso la residenza presidenziale e si sfida in una gara di egg rolling (rotolamento delle uova) sotto gli occhi del presidente e della first lady. Vince chi fare arrivare le uova più lontano senza che si rompano.

Joe Biden all'Egg Rolling del 2023
Joe Biden all’Egg Rolling del 2023
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views