episodio 1

Gli effetti della cannabis sul nostro corpo e rischi connessi al suo consumo

Gli effetti della cannabis si conoscono da migliaia di anni, ma cosa succede effettivamente al corpo e al cervello quando la si assume? Vediamo nel dettaglio i meccanismi biochimici delle molecole che si trovano al suo interno.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
A cura di Videostorie
11 Maggio 2023
18:30
5.681 condivisioni
Gli effetti della cannabis sul nostro corpo e rischi connessi al suo consumo
gli effetti della marijuana
Stai guardando Gli effetti delle droghe non perderti altri contenuti di Geopop
Immagine

In questo video vediamo dal punto di vista biochimico quali sono gli effetti dei principali cannabinoidi presenti nelle infiorescenze di cannabis. Nello specifico, andremo ad approfondire nel dettaglio le interazioni con i recettori CB1 presenti nel nostro corpo, in particolar modo nel cervello, e i conseguenti effetti a livello fisico e mentale. In aggiunta vedremo quali sono i possibili rischi collegati al consumo di questa sostanza psicotropa.

Le sostanze contenute nella cannabis

I principali componenti che hanno un effetto sul corpo umano sono sono il THC e il CBD. Queste due cannabinoidi hanno la stessa formula chimica (C21H30O2) ma diversa struttura molecolare. Questo fa sì che il THC, a differenza del CBD, riesca a legarsi ai recettori CB1 presenti nel nostro corpo e manifestare i suoi effetti psicotropi. Nel video mostriamo con immagini 3D l'interazione del THC con i recettori CB1 e la conseguente modifica del rilascio dei neurotrasmettitori.

interazione recettori CB1 con THC
Interazione tra i recettori CB1 e il THC. Credit: https://nanobotmedical.com/

Gli effetti del consumo di cannabis

Legandosi al recettore CB1, quindi, il THC modifica il rilascio dei neurotrasmettitori, le molecole dei pensieri. E modificando il rilascio di queste sostanze, si avranno effetti specifici in base a dove sono presenti questi recettori.

Se THC si lega ai recettori presenti nell’ippocampo (un’area del cervello), si verificano gli effetti relativi all’apprendimento e alla memoria mentre quando arriva nel cervelletto, interferirà con la coordinazione motoria e l’equilibrio.

La fame chimica, invece, arriva dall’attivazione dei recettori presenti sia nell’ipotalamo (un’altra area del cervello) che a quelli dello stomaco e dell’intestino (eh si perché i recettori CB1 sono un po’ in tutto il corpo, non solo nel cervello). Questo, causa la produzione dell’ormone della fame chiamata grelina, che farà aumentare l’appetito, la sete e verrà anche esaltato il senso del gusto e degli aromi.

Il THC, infine, potrebbe anche legarsi ai recettori del sistema cardiovascolare, inducendo una modifica del battito cardiaco e quindi causando leggera tachicardia o bradicardia.

tachicardia bradicardia marijuana

Il CBD, proprio per quella piccola differenza strutturale che ha rispetto al THC, si lega molto meno ai recettori CB1. Non è ancora chiaro il meccanismo di azione del CBD, si sta ancora studiando.  Però sono stati dimostrati i suoi effetti antidolorifici e ansiolitici. Grazie a questa sua caratteristica, infatti, il CBD è ampiamente utilizzato in medicina.

Possibili rischi legati al consumo di cannabis

Per terminare è bene dire che diversi studi, come confermato dall’OMS, hanno dimostrato come il suo consumo massiccio e prolungato, specialmente nel periodo adolescenziale, possa portare dei problemi legati all’apprendimento e alla memorizzazione. Fino ai 21 anni, infatti, il cervello è in fase di crescita e l’assunzione di THC quando si è adolescenti può portare a problemi di sviluppo del cervello proprio.

In più, se un ragazzo cresce in un contesto familiare dove ci sono stati già dei casi di psicosi, e al tempo stesso consuma cannabis, è più probabile che sviluppi problemi psicologici. Quindi in soggetti predisposti è più probabile l’insorgenza di psicosi.

C’è da dire però che per quanto riguarda la letalità, non sono mai stati registrati casi di morte dovute all’uso di Cannabis. I recettori dei cannabinoidi, infatti, non sono presenti nelle aree del cervello che controllano le funzioni cardiovascolari e respiratorie e di conseguenza il THC non può indurre, ad esempio, arresti cardiaci. In pratica quindi non si può morire di overdose da cannabis.

Ad ogni modo ci teniamo a chiarire che con questo video non vogliamo assolutamente incentivarne il consumo, ma fornire informazioni su questa sostanza per avere maggiore consapevolezza.

Ci teniamo a ringraziare Nanobot – Medical Animation Studio per averci fornito le immagini 3D sull'interazione tra il THC e il recettore CB1.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views