energia-eolica-mondo

L’energia eolica è una fonte rinnovabile diffusa ormai in moltissimi Paesi. Come confermato dai dati del Global Wind Energy Council, l'eolico permette di ridurre di 1,1 miliardi di tonnellate le emissioni annue di CO2. A livello mondiale i Paesi leader del settore sono Cina e Stati Uniti che nel 2020 hanno realizzato il 75% di tutti i nuovi impianti eolici e che, da soli, producono metà dell'energia eolica del mondo! In questo articolo andremo a vedere non solo quali sono i Paesi che producono più energia eolica, ma anche quelli che ne utilizzano di più per produrre energia elettrica. Prendiamo come riferimento le stime dei portali Our World in Data e IEA.

I maggiori Paesi produttori di energia eolica al mondo

Per capire quali sono i Paesi che producono annualmente più energia eolica in termini assoluti, dobbiamo guardare la capacità installata dei vari Stati (dati aggiornati al 2020).

Anche a colpo d'occhio è evidente come la Cina da sola produca molta più energia dal vento di tutti gli altri Paesi del Mondo, con una capacità installata di 281,99 GW. Al secondo posto troviamo USA (117,74 GW) e poi Germania (che con 26,18 GW è il Paese che produce più energia eolica in Europa) e India (38,56).
Dopo di loro troviamo con valori molto più contenuti anche Spagna, Regno Unito, Francia, Brasile, Canada e Italia. Il Bel Paese si trova quindi lontano dalle prime posizioni, con una capacità installata pari a 10,84 GW.

Elettricità prodotta con l'energia eolica nel mondo

Un altro dato interessante è quanta energia elettrica viene prodotta dal vento in un Paese. A differenza di quanto visto in precedenza quindi non verrà presa in considerazione l’energia in generale, ma solamente l’impatto dell’eolico sulla produzione di elettricità.

Qui la situazione è parecchio diversa: al primo posto della classifica troviamo la Danimarca, con un 47,84% di elettricità prodotta tramite energia eolica. A seguire poi Uruguay e Lituania, rispettivamente al 43,04% e al 32,58%. Ancora dietro altri Paesi europei, come Portogallo, Irlanda e Spagna, tutti con percentuali comprese tra il 20 e il 25%.
Anche in questo caso, l’Italia si trova nella parte intermedia della classifica, con un 7,4% di elettricità prodotta tramite energia eolica.

Articolo a cura di
Stefano Gandelli