Sfondo burger-menu

Perché non tappezziamo il Sahara con pannelli solari per avere energia pulita?

Ricoprire il deserto del Sahara di pannelli solari potrebbe sembrare una buona idea per avere enormi quantità di energia ma, come vedremo, è impraticabile.

7 Novembre 2022
18:30
35 condivisioni
Perché non tappezziamo il Sahara con pannelli solari per avere energia pulita?
Solare Sahara pannelli

L’energia solare è un’ottima fonte rinnovabile ma al momento non è in grado di soddisfare da sola la domanda energetica globale. Per chiarire il concetto, vi propongo una domanda che su internet abbiamo letto un sacco di volte: perché non tappezziamo il Sahara di pannelli solari per ottenere energia pulita per tutto il mondo?

Quanti pannelli solari servirebbero per produrre l'energia che ci serve oggi?

Ci servirebbero 16 miliardi di pannelli solari. Come siamo arrivati a questo numero?
Considerando che nel 2019 il mondo ha consumato 25 mila TWh di energia, dividiamo il numero che ci serve per i giorni dell’anno (365). Otteniamo circa 68 TWh. Questi 68 li dividiamo per le 12 ore nelle quali splende il Sole nel Sahara ogni giorno, ed ecco che otteniamo 5,6 TW, cioè 5,6 mila miliardi di Watt.
Ora, dal momento che non è che possiamo fare un unico pannello da 5,6 mila miliardi di watt, siamo costretti a installare tanti piccoli pannelli. Se consideriamo un pannello fotovoltaico da 350 W, basta fare 5,6 mila miliardi di watt diviso 350 W e otteniamo circa 16 miliardi di pannelli!

lavagna pannelli solari

Quanto spazio occuperebbero?

Un impianto per la produzione di energia solare da 1 MW occupa più o meno una superficie di 0,02 km2. Se noi dobbiamo avere 5,7 TW di pannelli fotovoltaici, allora i nostri pannelli occuperanno un’area di circa 114 mila km2. Per darvi un’idea di quanto sia grande questo numero, un campo da calcio misura circa 0,07 km2, quindi il nostro impianto sarà grande quanto circa 1 milione e 628 mila campi da calcio. O se preferite, una superficie grande quasi un terzo di tutta l’Italia. È vero, il Sahara è grande, ma si tratta comunque di una porzione di suolo occupata non indifferente.

Il costo dei pannelli

A questo si aggiunge un altro problema cioè il costo. Mediamente un pannello fotovoltaico costa tra i 200 e i 500 $. Questo ovviamente vale se il pannello lo installiamo in città. Ma se devo installarlo nel deserto il costo può aumentare fino a 1000 dollari per pannello. Questo vuol dire che l’intero impianto costerebbe circa 16 mila miliardi di dollari. Già da qui è chiaro come quest’idea sia praticamente impossibile da realizzabile. Ma mettiamo per assurdo di avere accumulato abbastanza soldi per costruire tutto il necessario.

pannelli solari 16 mld

Il trasporto dell'energia

Ora dobbiamo installare un’infrastruttura per trasportare l’energia in tutto il mondo: quindi dovrei creare una lunghissima serie di cavi sottomarini per trasportare l’elettricità dal Sahara a ogni angolo del globo. Poi dobbiamo considerare che l’elettricità, anche nel migliore dei casi, viene in parte dissipata durante il trasporto. Su una lunghezza così importante parliamo di perdite attorno al 20-22%. Una cifra enorme! Per compensare queste perdite dovremmo aumentare il numero dei pannelli e, come avrete capito, aumenterebbe di conseguenza anche il costo di tutta l’opera. Poi c’è un altro problema: di notte il Sahara non potrebbe produrre elettricità per tutti quei Paesi nei quali in quelle ore è pieno giorno. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di installare sotto a ogni pannello delle batterie così da stoccare l’elettricità prodotta durante il giorno. Si tratterebbe però di un'aggiunta estremamente costosa – senza contare che la produzione di tutte queste batterie e il loro smaltimento avrebbe un impatto ambientale da non trascurare.

L'impatto ambientale

Se riempissimo il Sahara di pannelli solari, banalmente, causeremmo un aumento dell’albedo – cioè del potere riflettente della luce solare incidente. La superficie terrestre inoltre sarebbe più scura perché ci sono i pannelli solari, e questo a sua volta produrrebbe un aumento della temperatura dell’aria superficiale. Questo innescherebbe una serie di processi in atmosfera, causando sempre più piogge nel deserto e, di conseguenza, una progressiva crescita della vegetazione. Il fatto di avere più vegetazione però potrebbe sembrare una cosa positiva no? No. In realtà questo trasformerebbe profondamente l’ambiente desertico, andando a scombinare completamente il suo ecosistema.

fertilizzante sabbia sahara
Avatar utente
Stefano Gandelli
Redattore
Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?