27 Aprile 2023
15:30

Come ha avuto successo Whatsapp? La storia dell’app che ha decretato la morte degli SMS

La maggior parte di noi usa Whatsapp come principale app di messaggistica ma a cosa è dovuto il suo successo?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
928 condivisioni
Come ha avuto successo Whatsapp? La storia dell’app che ha decretato la morte degli SMS
whatsapp popolare
Credit: 1pratikyadav, CC BY–SA 4.0, via Wikimedia Commons

Nel nostro paese oltre una persona su due usa Whatsapp come principale app di messaggistica e questa è anche la terza piattaforma social dopo Youtube e Facebook che però, troviamo spesso pre-installate sui telefoni che acquistiamo. La storia di Whatsapp è indubbiamente una storia di successo: sviluppata nel 2009 da Jan Koum e Brian Acton, il nome nacque per unificare l'espressione inglese "What's up?" (come va?) al concetto di "app" (applicazione).
Acquisita nel febbraio 2014 da Facebook per oltre 19 miliardi di dollari (la più onerosa per le tasche di Mark Zuckerberg) Whatsapp continua ad essere l'applicazione più utilizzata a livello globale con oltre 2 miliardi di utenti attivi.

grafico utenti whatsapp nel tempo

Le ragioni del successo

Il successo di Whatsapp è dovuto principalmente a due fattori concomitanti: lo straordinario timing nel lancio e la predisposizione umana che tende ad evitare di cambiare le proprie abitudini.
Questa applicazione infatti viene sviluppata e lanciata negli anni dell'avvento dei primi, veri, smartphone con schermi touch e store per le app. Ciò ha consentito a Whatsapp di inserirsi nel mercato in un periodo nel quale gli smartphone andavano via via a conquistare quote di mercato sempre più ampie, in un momento storico nel quale il principale veicolo di comunicazione testuale erano gli SMS che prevedevano, tipicamente, un costo per l'utente per ogni messaggio inviato o per un numero massimo di messaggi mensili.

Grazie a Whatsapp gli utenti hanno avuto la possibilità di svincolarsi dal pagamento e di inviare e ricevere un numero illimitato di messaggi di testo, le funzionalità dell'app sarebbero poi via via aumentate consentendo anche di condividere immagini, video e documenti. In un'intervista Koum, a cui era stato chiesto perché le persone avrebbero dovuto preferire Whatsapp agli SMS ha dichiarato:
"gli SMS sono ormai una tecnologia morta, come una macchina per fax dimenticata dagli anni Settanta e lasciata lì come una mucca da mungere per gli operatori telefonici".

whatsapp app

Il perfetto timing nel lancio dell'applicazione ha poi consentito a Whatsapp di ampliare la propria base utenti prima che venissero lanciate applicazione alternative.
Telegram, per fare un esempio, è stata fondata solo nel 2013 dall'imprenditore russo Pavel Durov, ma ai tempi Whatsapp contava già oltre 200 milioni di utenti attivi.

Infine c'è il fattore collaterale della predisposizione umana che tende a mantenere le proprie abitudini, seppur applicazioni come Telegram o Signal offrono funzionalità analoghe se non superiori a Whatsapp gli utenti dimostrano una certa riluttanza al cambiamento e preferiscono restare fedeli a quella che utilizzano da più tempo.

Immagine

Breve storia di WhatsApp

Prima di chiudere questo articolo, ripercorriamo in breve le principali tappe della storia di Whatsapp.
È il 2007 quando Jan Koum e Brian Action, due ex impiegati della società americana Yahoo!, dopo essersi licenziati decidono di prendere un anno sabbatico in Sud America e cercare successivamente un nuovo lavoro. I due si candidano per lavorare in Facebook ma vengono rifiutati e in quello stesso periodo Koum acquista per la prima volta un iPhone e capisce immediatamente le potenzialità dell'app store.
Il progetto di una nuova app di messaggistica viene condiviso anche con un amico di Koum, Alex Fishman che accetta di partecipare allo sviluppo dell'applicazione. Nel 2009, a causa di problemi all'app dovuti a bug e impuntamenti, Koum è vicino è al punto di lasciare il progetto e tornare a trovare un lavoro in un'azienda. Per tutta risposta però Acton propone, invece, di cercare investitori che credessero nel progetto e li aiutassero economicamente.

Sempre nel 2009, Acton convince cinque ex colleghi Yahoo! ad investire nel progetto una somma complessiva di 250.000$. Grazie a questo finanziamento l'app venne rifinita e con l'avvento nello stesso anno delle notifiche push su iPhone, la diffusione di Whatsapp spiccò il volo. Già nel 2011 Whatsapp era tra le prime applicazioni più scaricate sull'app store di Apple.

Pochi anni dopo nel 2014 Facebook annuncia l'acquisizione di Whatsapp per oltre 19 miliardi di dollari, nello stesso anno Whatsapp diventa l'applicazione di messaggistica più scaricata a livello globale ed il trend di crescita sembra essere questo anche per i prossimi anni.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views