Sfondo burger-menu
3 Agosto 2022
17:43

In Cile si è formata un’enorme voragine larga 32 metri in un distretto minerario del Paese

In un distretto minerario del Cile il 30 luglio 2022 si è formato un sinkhole, ovvero una voragine larga circa 32 metri. Al momento restano incerte le sue cause.

2.442 condivisioni
In Cile si è formata un’enorme voragine larga 32 metri in un distretto minerario del Paese
sinkhole in cile
Immagine di repertorio.

Sabato 30 luglio alle ore 16:30 circa (ora locale) si è aperta una voragine nel territorio della miniera sotterranea di Alcaparrosa, in Cile, a circa 665 km a nord della capitale Santiago. Si tratta di un sinkhole, cioè uno sprofondamento improvviso del terreno causato da un collasso dei livelli rocciosi più superficiali.
Questa enorme cavità cilena è al momento tenuta sotto stretta osservazione dall'ente nazionale per la geologia e le miniere (Sernageomin) per monitorare eventuali allargamenti: il suo diametro sarebbe infatti passato in pochi giorni dagli iniziali 25 metri agli attuali 32 metri. Restano invece da definire con precisione i dati in merito alla sua profondità: inizialmente si parlava di 200 metri ma un comunicato stampa pubblicato dallo stesso ente nazionale il 2 agosto riporta un valore pari a circa 64 metri.

Per garantire la sicurezza dell'area è stato isolato un perimetro di 100 metri attorno al sinkhole e, a tal proposito, queste le parole della compagnia mineraria Lundin Mining:

Da quando è stato individuato [il sinkhole], l'area è stata immediatamente isolata e sono state avvisate le autorità di regolamentazione. Non c'è stato impatto sul personale, sull'equipaggiamento o sulle infrastrutture.

Ma come si formano i sinkhole?
In generale, come confermato anche dall'INGV, possiamo dire che queste strutture circolari prendono vita in seguito al crollo di cavità carsiche o, eventualmente, di altri ambienti con caratteristiche simili – cioè dove è presente un substrato ricco di cavità a rischio crollo. Le sollecitazioni che possono innescare questo collasso sono di vario tipo: l'erosione da parte di acqua nel sottosuolo, le violente vibrazioni associate a un terremoto o ad attività antropiche come l'estrazione mineraria.

L'attività mineraria della zona potrebbe quindi essere il fattore scatenante, anche se al momento non ci sono dati certi e saranno necessari studi più approfonditi prima di confermare questa ipotesi.

Avatar utente
Stefano Gandelli
Redattore
Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?