26 Novembre 2023
8:19

Navigazione in incognito, cosa (non) nasconde e come si attiva

La navigazione in incognito è ormai integrata in ogni browser web, ma non tutti sanno quali dati effettivamente e quali invece rimangono visibili (e soprattutto a chi).

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
540 condivisioni
Navigazione in incognito, cosa (non) nasconde e come si attiva
Immagine

La navigazione in incognito è una modalità, presente in ogni browser web, che consente di aprire una nuova sessione di navigazione che non salvi automaticamente cookie né dati personali e soprattutto che non lasci tracci all'interno della cronologia dell'utente.

Safari, browser predefinito sui dispositivi Apple, fu tra i primi a introdurre questa funzionalità nel 2005 con la versione Safari 4.4, successivamente tra il 2008 ed il 2009 tale funzionalità arrivò anche su Google Chrome e Internet Explorer.

A cosa serve la navigazione in incognito

Sfatiamo innanzitutto un mito: la navigazione in incognito non serve a nascondere la propria identità ai server ai quali ci colleghiamo. Questa funzione infatti nasce con lo scopo di consentire all'utente di aprire una nuova sessione nel web browser che non lasci tracce ad altri utenti sullo stesso sistema in uso. La funzione principale della navigazione in incognito è quindi quella di nascondere ad altri utenti che utilizzano lo stesso dispositivo ciò che abbiamo ricercato online.

Ciascun browser web può implementare delle policy personalizzate sui dati che vengono cancellate alla chiusura della sessione in incognito, in generale comunque le caratteristiche di questo sistema di navigazione sono:

  1. nascondere la cronologia di navigazione ad altre persone che utilizzano il dispositivo;
  2. non verranno salvati cookie e dati dei siti web visitati;
  3. non verranno salvate le informazioni inserite nei moduli (incluse le password);
  4. eventuali autorizzazioni concesse ai siti web (accesso a microfono, webcam ecc.).

Come si può notare, le informazioni che vengono nascoste, o che non vengono salvate, non riguardano la nostra identità online (identificata dall'indirizzo IP) ma i dati che usualmente vengono salvati dal browser o in locale sul nostro computer o smartphone.

screenshot navigazione in incognito

In quali casi è utile la navigazione in incognito?

Compreso che la navigazione in incognito non ci assicura alcun anonimato online, vediamo una lista di scenari nei quali quest'ultima può rappresentare un valido strumento da utilizzare.

Possiamo utilizzare efficacemente la modalità in incognito quando, per esempio, non vogliamo ricevere pubblicità inerenti qualcosa che abbiamo cercato. Il remarketing (o retargeting), infatti, è una forma di pubblicità online finalizzata a raggiungere le persone che hanno già interagito in precedenza con un brand o con un ambito.
Quando, per esempio, cerchiamo un volo online veniamo targettizzati come utenti in cerca di prodotti e servizi per un viaggio, ed ecco che appaiono all'interno di siti e social network banner pubblicitari inerenti quell'ambito. La navigazione in incognito, eliminando cookie e cronologia, ci consente di evitare questo tipo di pubblicità.

Un altro scopo può essere quello dei cosiddetti paywall presenti principalmente su siti di notizie e blog online. I paywall sono dei banner che si sovrappongono alla pagina web una volta che un dato dispositivo ha visualizzato un certo numero di articoli/notizie richiedendo la sottoscrizione di un abbonamento per continuare a leggerne, il contatore degli articoli visualizzati è solitamente contenuto in un cookie che utilizzando la modalità in incognito viene resettato ogni volta.

Immagine

Quali dati non vengono nascosti con la navigazione in incognito

Per quanto detto, quindi, la modalità di navigazione in incognito non è del tutto anonima infatti, seppur varie informazioni siano nascoste ad altri utenti che utilizzano lo stesso dispositivo, l'indirizzo IP rimane visibile ai siti web visitati, al tuo datore di lavoro o agli ISP (Internet Service Provider) e ciò gli consentirà di avere comunque accesso a quei dati.

Riassumendo, quindi, quello che non può fare la navigazione in incognito è:

  1. nascondere/cambiare l'indirizzo IP (servirebbe l'utilizzo di una VPN);
  2. cifrare i dati di navigazione;
  3. proteggere dal monitoraggio di rete della tua azienda o scuola.

Come attivare la navigazione in incognito

Ognuno dei principali browser, sia per computer desktop che per dispositivi mobili Android o iOS, possiede una modalità di navigazione in incognito che può essere attivata premendo appositi pulsanti o tramite scorciatoie da tastiera. Consigliamo quindi di consultare la guida del vostro browser preferito per scoprire come si attiva questa modalità.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views