Sfondo burger-menu
episodio 3

Cosa significa orologio al quarzo?

Gli orologi al quarzo sono un tipo di orologio che misura il trascorrere del tempo sfruttando la piezoelettricità, una proprietà di questo minerale che lo fa oscillare se attraversato da una corrente elettrica. Il fulcro del meccanismo è una lamina biforcuta che fornisce un numero esatto di vibrazioni, utilizzate per contare i secondi. Ma come funziona il quarzo negli orologi?

A cura di Redazione
29 Settembre 2021
9:00
2.216 condivisioni
Cosa significa orologio al quarzo?
Orologio al quarzo

Provate a guardare l’orologio che avete al polso. Quasi sicuramente da qualche parte troverete scritto “quartz”. Cosa vuol dire? Significa che quello è un orologio al quarzo, ovvero che si basa su un meccanismo che sfrutta le proprietà elettriche del minerale, ovvero la sua piezoelettricità, per scandire il tempo.

Il quarzo è un minerale con formula chimica SiO2 formato unicamente da silicio e ossigeno. Si tratta del secondo minerale più abbondante sulla crosta terrestre ed è un cristallo piezoelettrico utilizzato all’interno di molti orologi. In questo video vi spieghiamo a cosa serve il quarzo negli orologi, come funziona, quanto sono precisi questi orologi e se sono migliori di uno meccanico.

Gli orologi al quarzo sono un tipo di orologio che misura lo scorrere del tempo grazie alle oscillazioni di un cristallo di quarzo, che si trova al loro interno, dovute alla piezoelettricità.

Il quarzo, normalmente, non conduce elettricità perché i legami chimici al suo interno non lo permettono. Se però il minerale viene “schiacciato” si osserva il fenomeno della piezoelettricità, ovvero la capacità di condurre corrente elettrica se viene applicata una pressione. Questa caratteristica funziona anche al contrario: quando una lamina di quarzo viene sottoposta a una corrente elettrica, questa vibra e oscilla in maniera proporzionale al suo spessore. Ed è proprio questo che accade all’interno degli orologi al quarzo.

La lamina di quarzo che viene posizionata all’interno dell’orologio viene prodotta artificialmente e tagliata sottile e a forma di diapason. Quando la lamina viene sottoposta ad una corrente elettrica alternata, generata dalla batteria dell’orologio, inizia a far oscillare le due estremità del diapason con una ben precisa frequenza pari a 32768 cicli al secondo.

Dunque il quarzo, interagendo con la corrente elettrica generata dalla pila dell’orologio, inizia ad oscillare, misurando così il passare dei secondi e facendo muovere le lancette sul quadrante segnando l’ora.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?