Sfondo burger-menu
27 Novembre 2022
17:58

Maltempo a Ischia, frana a Casamicciola: le cause in un’intervista all’esperto geologo

Il maltempo ha dilaniato l'Isola di Ischia. Dal monte Epomeo il terreno ha ceduto e la valanga di fango è venuta giù sradicando parte della vegetazione. Continuano i soccorsi per evacuare le persone: per ora ci sono 8 vittime accertate e ancora 4 dispersi, case a rischio crollo. I soccorsi continuano.

A cura di Andrea Moccia
2.064 condivisioni
Maltempo a Ischia, frana a Casamicciola: le cause in un’intervista all’esperto geologo
Intervista a Francesco Peduto
Esperto in Geologia

ischia frana casamicciola

A Ischia, nella località di Casamicciola, nella parte settentrionale dell'isola, c'è stata una frana che ha causato otto vittime accertate e ancora quattro dispersi. Purtroppo tragedie e fenomeni simili non sono una novità perché l'isola, cosi come gran parte del nostro territorio è soggetto a eventi franosi. Nella notte tra venerdì 25 e l'alba di sabato 26 novembre il maltempo si è abbattuto sull'isola del golfo di Napoli, l'alluvione ha provocato frane e allagamenti. I soccorsi continuano, nonostante le difficoltà di intervento causate dalle condizioni meteorologiche avverse, per recuperare le vittime, evacuare circa 230 persone e supportare le autorità nella ricerca dei cittadini ancora dispersi, al momento quattro. Disposto lo Stato di emergenza dal Cdm e stanzionati i primi aiuti economici.

Raccontiamo cosa sta succedendo a Ischia e quali sono le cause della frana a Casamicciola in un'intervista all'esperto geologo Francesco Peduto, ex Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Consulta la mappa interattiva delle frane in Italia

Cosa è successo

Dal monte Epomeo il terreno di origine vulcanica ha ceduto dopo le intense piogge e una valanga di fango è venuta giù sradicando gran parte della vegetazione e lasciando nudo il fianco del rilievo. La colata ha percorso parte dell'isola portando con sé alberi, macchine e diversi detriti. Diverse le abitazioni a rischio crollo. Per ora dalle ultime notizie sono salite a 8 le vittime accertate, i dispersi sono 4, anche se da recenti dichiarazioni del ministro delle Infrastrutture e Trasporti il bilancio dei decessi potrebbe salire a otto. La frana di Ischia è l’ennesimo evento che dovrebbe far capire che siamo in un Paese la cui geologia e geomorfologia necessitano di azioni preventive. Mettersi in moto dopo le catastrofi non risolve il problema.

Immagine
Versante colpito dalla frana – Fonte Google Earth

Le cause della frana a Casamicciola

Per far luce sulla situazione abbiamo intervistato Francesco Peduto, geologo di grande esperienza ed ex Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Perché c’è stata questa frana ad Ischia?

Ischia è un’isola vulcanica, ricoperta in gran parte da uno strato superficiale di materiale vulcanico poco consolidato, o sciolto (come se fosse terriccio per intenderci); quando piove tanto questo materiale, caricandosi di acqua, può franare. È quello che è successo purtroppo in questi giorni.

La frana ad Ischia non è una novità, perché?

Quando si tratta di frane, di novità non ce ne sono: il 70% delle frane identificate in Europa si trovano sul territorio italiano. L’Italia è geologicamente predisposta a fenomeni franosi, soprattutto nelle zone più interne dove ci sono i rilievi. È un territorio sismicamente e tettonicamente molto attivo ed è geologicamente giovane, quindi ricco di rilievi (non ancora erosi dal tempo) che, ricoperti spesso da sedimento non consolidato o sciolto, è soggetto a frequenti fenomeni franosi.

È colpa dei geologi?

I geologi hanno fatto e fanno il loro compito molto bene. Lo dimostrano le carte del dissesto idrogeologico delle autorità di bacino: la stragrande maggioranza dei dissesti avvenuti negli ultimi dieci anni, e parliamo di oltre il 90%, si sono verificati in aree identificate dai geologi e classificate ad alto rischio. In altri termini noi sappiamo bene quali sono le aree ad alta pericolosità, le abbiamo identificate, classificate e messe su carta; ad oggi sono perimetrate circa 800 mila frane, sia in atto che potenziali. Lottiamo da anni per far capire alla politica che è vitale  prendere provvedimenti. 

Immagine
Mappa di pericolosità frane – IdroGEO–ISPRA

Il punto quindi non è più di carattere tecnico-scientifico ma politico, mi conferma? E quali sono i provvedimenti a cui si riferisce?

Si, il problema è di carattere politico; si dovrebbero destinare molte più risorse per combattere il rischio idrogeologico in Italia altrimenti ci saranno sempre vittime e ingenti danni. 

Da anni noi proponiamo di affiancare alle cosiddette misure strutturali, cioè misure post-evento calamitoso, delle misure non strutturali, come per esempio il presidio territoriale. S’intende un lavoro di monitoraggio preventivo delle aree volto a evitare, o quanto meno ridurre il rischio idrogeologico. In altri termini avere geologi e ingegneri, costantemente attivi sulle aree più a rischio per evitare vittime e danni ingenti. 

Perché la politica fa così tanta difficoltà a capire che c’è necessità ad agire con approccio preventivo, quindi prima che succedono le sciagure e non dopo?

Ricordo quando ero presidente del consiglio dei geologi, presentammo la nostra proposta di misure non strutturali; riuscimmo a parlare anche con l’allora ministro degli interni e il ministro dell’Ambiente; la proposta piacque parecchio, ma purtroppo dopo poco tempo il governo cambiò. Eravamo punto e da capo. 

Un po’ come i videogiochi degli anni 80-90, quando perdevi le tre vite si ripartiva da capo.

Esatto, in un certo senso si.

Avatar utente
Andrea Moccia
Direttore editoriale
Sono nato nell'Agosto del 1985, a Napoli. Mi sono pagato gli studi universitari vendendo pop-corn e gelati nelle sale di un Cinema. Ho lavorato per dieci anni in giro per il mondo, di cui sette all'Istituto nazionale francese dell'energia, in qualità di geologo e team manager. Nel 2018 a Parigi, per gioco, è nata Geopop, diventata nel 2021 una azienda del gruppo Ciaopeople. Sono dell'idea che la cultura sia la più grande ricchezza per un Paese e ho deciso di dedicare la mia vita per offrire un contributo e far appassionare le persone alla conoscenza. Col sorriso :)
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?