0 risultati
video suggerito
video suggerito
13 Maggio 2024
12:06

Alluvione in Indonesia, colate di detriti vulcanici e fango inondano l’isola di Sumatra: almeno 40 i morti

Improvvise e pesanti inondazioni in Indonesia causate dalle piogge monsoniche: sull'isola di Sumatra colate di detriti vulcanici e torrenti di fango (in gergo “lahar”) lungo le pendici del vulcano Marapi hanno sommerso e devastato due villaggi, provocando la morte di almeno 40 persone. Sono circa 17 dispersi.

709 condivisioni
Alluvione in Indonesia, colate di detriti vulcanici e fango inondano l’isola di Sumatra: almeno 40 i morti
sumatra lahar
Immagine generata con AI.

Abitazioni, scuole, ospedali e moschee distrutte, 72 ettari di terre sommerse, 40 vittime e almeno 17 dispersi: è il bilancio delle violente alluvioni che hanno colpito l'isola di Sumatra, in Indonesia, nella notte tra sabato 11 e domenica 12 maggio. La parte occidentale dell'isola indonesiana è stata colpita da violenti piogge monsoniche che hanno mobilitato parte del materiale vulcanico eruttato dal vulcano Marapi durante l'eruzione del 4 dicembre 2023, causando violente alluvioni. La colata di fango che si è generata – in gergo tecnico lahar, chiamata giornalisticamente anche "lava fredda" – ha travolto i distretti Agam e Tanah Datar colpendo diversi villaggi di montagna, sommergendo case ed edifici e causando almeno 40 vittime e 17 dispersi, anche se il bilancio purtroppo potrebbe aggravarsi. Complessivamente sono state distrutte almeno

I lahar, purtroppo, sono un fenomeno piuttosto diffuso in tutte le aree vulcaniche dove sono presenti grandi quantità di detriti vulcanici non compatti. In caso di piogge o eruzioni vulcaniche, infatti, questi si possono mobilitare e iniziare a scendere rapidamente verso valle, travolgendo tutto ciò che trovano lungo il loro percorso. Queste colate – che a volte possono anche essere calde – hanno una viscosità paragonabile a quella del cemento e, di solito, solidificano in poco tempo una volta che arrestato il flusso. Pensate che in questa stessa area le piogge degli scorsi mesi hanno causato altri due fenomeni di lahar: uno a febbraio e uno a marzo, causando complessivamente 26 vittime.

Queste le parole di Abdul Malik, capo dei soccorsi sull'isola:

Le violente piogge hanno spazzato materiali come ceneri e grandi rocce dal vulcano Marapi. Flussi di "lava fredda" sono sempre una minaccia per noi nell'ultimo periodo

Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views