Sfondo burger-menu
27 Maggio 2022
16:14

CERN: come funziona e qual è l’utilità dell’acceleratore di particelle svizzero

Il CERN è uno dei centri di ricerca più importanti al mondo nello studio delle particelle. Ma qual è l'utilità di questo acceleratore?

A cura di Elena Buratin
2.252 condivisioni
CERN: come funziona e qual è l’utilità dell’acceleratore di particelle svizzero
CERN cos e

In questi giorni è scoppiata su Twitter una polemica in merito al CERN, l'acceleratore di particelle svizzero situato in provincia di Ginevra, presso il comune di Meyrin. Si tratta di uno tra i centri di ricerca più importanti al mondo per quanto riguarda lo studio delle particelle elementari e, proprio in queste ore, sul web molta gente si sta chiedendo quale sia l'effettiva utilità di questa struttura. In questo articolo cercheremo quindi di fare chiarezza, andando a vedere non solo cos'è il CERN e come funziona ma anche quali sono i suoi obiettivi e i principali traguardi raggiunti in questi anni.

Cos'è e a cosa serve il CERN?

Il CERN, come riportato anche dal Ministero dell'Università e della Ricerca, è uno tra i laboratori più grandi del mondo ad occuparsi di fisica delle particelle, fornendo ai ricercatori strumenti per effettuare ricerca in fisica delle alte energie. Le sue origini risalgono agli anni '40, per fermare la fuga di cervelli in America durante la seconda guerra mondiale e per donare unità all'Europa del dopoguerra. La sua geolocalizzazione fu scelta sia perché la Svizzera era terra neutrale, sia perché si trattava di un'area a bassa sismicità. Dal '54 ad oggi ospita più di diecimila ricercatori europei.

Da un punto di vista tecnico, il CERN è un insieme di acceleratori lineari e circolari, il cui anello più grande si chiama Large Hadron Collider (LHC). Questo potentissimo acceleratore misura 27 km di circonferenza e permette la collisione di particelle ad energie elevatissime. I prodotti delle collisioni fra fasci di particelle permettono lo studio della formazione del nostro universo e della materia esistente.
In sintesi, il CERN ha quattro obiettivi principali:

  • Ricerca – per scoprire il mondo delle particelle e chiarire i grandi interrogativi dell'Universo;
  • Tecnologia– sviluppare nuove tecnologie;
  • Collaborazione – il centro favorisce la cooperazione tra nazioni provenienti da ogni parte del mondo;
  • Educazione – il CERN non solo fa ricerca, ma si occupa di formare i futuri ricercatori.
cern mappa
Maximilien Brice (CERN), CC BY–SA 3.0, via Wikimedia Commons

Come funziona l'acceleratore di particelle svizzero?

Al CERN si svolgono molti esperimenti sulla materia e sull' antimateria, per cercare di comprendere come si sia formato l'Universo e ciò che ci circonda.
L'esperimento più noto ed importante, su cui lavorano moltissimi fisici, è lo studio dell‘interazione tra due protoni ad altissima energia. Questa energia, trasportata dai protoni, si trasforma in nuova massa a seguito della collisione. Questa nuova massa è composta da particelle di vario tipo, alcune delle quali decadono rapidamente in altre particelle, fino a formare materia più stabile, quella che ci compone. Per cercare di capire più a fondo le origini dell'universo è stato dunque costruito un acceleratore di cosi grandi dimensioni, per poter accelerare particelle ad alta, altissima energia. 

Collisione particelle in CMS (CERN)
Collisione particelle in CMS (Credit: CERN)

Qual è l'utilità del CERN?

Da sempre la ricerca scientifica spinge la tecnologia e l'ingegneria a superare i propri limiti. Il CERN, in particolare, ha contribuito enormemente nello sviluppo di tecnologie utili per la costruzione di navicelle, sonde e sensori spaziali e per applicazioni mediche, quali la PET (Positron Emission Tomography).
Se invece vogliamo fare l'esempio di due applicazioni che noi tutti usiamo quotidianamente possiamo nominare il touchscreen e internet. Pensate che quest'ultimo è nato proprio come canale di comunicazione per scambiare dati scientifici.

Il CERN collabora anche per lo sviluppo e la realizzazione di vari progetti trasversali: da nuovi sistemi per ottimizzare l'irrigazione nei posti più difficili a progetti relativi al restauro e alla conservazione digitale di opere d'arte, dalla progettazione di tecnologie quantistiche a progetti di ultra-alto vuoto e a temperature criogeniche.
Ultimo punto, ma non meno importante: i traguardi scientifici raggiunti e accumulati negli anni hanno contribuito alla comprensione attuale di ciò che ci sta attorno, a grande e piccola scala. Una fra tutte, la scoperta del Bosone di Higgs, che dà massa alle particelle elementari, avvenuta nel 2012.

Immagine
Ricercatrice (E. Buratin) che aggiusta un detector all’interno dell’LHC (Credit: CERN)
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?