Sfondo burger-menu
22 Settembre 2022
7:30

Come funzionano le matite copiative che usiamo per votare alle elezioni

In Italia ogni votazione può essere fatta solamente con le matite copiative. Vediamo cos'hanno di così speciale e perché sono le uniche che si possono usare.

2.616 condivisioni
Come funzionano le matite copiative che usiamo per votare alle elezioni
matite copiative

Il 25 settembre 2022 gli italiani dovranno tornare alle urne e, come ogni volta, il proprio voto andrà espresso su una scheda cartacea tramite una speciale matita detta "copiativa". Si tratta di uno strumento in grado di lasciare un tratto indelebile e utilizzato in Italia fin dalle elezioni del 2 giugno 1946. Ma cosa la rende così speciale? E perché alle elezioni non possiamo usare una matita normale o una penna?

Come funziona la matita copiativa

La caratteristica principale della matita copiativa è la sua capacità di lasciare un segno indelebile sulla scheda elettorale. Questo è possibile grazie alla particolare composizione della mina: al suo interno, oltre alla grafite e all'argilla, vengono inseriti dei pigmenti derivati dall'anilina – come il blu di metilene o il violetto di metile. Questi sono presenti nella mina in una percentuale variabile tra il 25 e il 50% (a seconda del produttore) e, se si prova a cancellarli, lasciano sul foglio una traccia colorata ben riconoscibile, vanificando il tentativo di manomissione.

matite copiative colori
Matite copiative di diversi colori.

Perché si usa questo tipo di matita alle elezioni

Per quale motivo dobbiamo utilizzare una matita copiativa? Non si potrebbe usare una qualunque matita o una penna?
La scelta di usare da oltre settant'anni una matita copiativa è solo in piccola parte legata alla tradizione: si tratta principalmente di uno strumento utile per ridurre la falsificazione delle schede. Il fatto di essere indelebile le permette di essere molto più sicura di una normale matita e, allo stesso tempo, impedisce di vedere il nostro voto quando la scheda è piegata – a differenza dell'inchiostro delle penne che potrebbe essere visibile anche con il foglio piegato.

Avatar utente
Stefano Gandelli
Redattore
Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?