1 Febbraio 2024
16:30

“Dito della morte” o Brinicle: cosa sono le stalattiti ghiacciate sottomarine che uccidono i pesci

Conosciuti già negli anni '60, i "brinicle" sono stati filmati per la prima volta per il documentario della BBC "Frozen Planet". A distanza di anni, le immagini girate sono diventate virali su tutti i social. Vediamo cosa sono e come si formano questi “ghiaccioli di salamoia”.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
31 condivisioni
“Dito della morte” o Brinicle: cosa sono le stalattiti ghiacciate sottomarine che uccidono i pesci
Ghiaccio fondale marino

Chiamati anche “Dito della Morte”, i brinicle sono un fenomeno pericoloso per la fauna sottomarina. Si tratta di stalattiti di ghiaccio, o “ghiaccioli di salamoia”, che si formano nell’Artico, intrappolando e uccidendo stelle marine, crostacei e altri animali. Da qualche mese sono diventati famosi: sui social girano filmati che riprendono una strana formazione congelata in movimento verso il fondale; una volta raggiunto quest'ultimo, rapidamente uno strato di ghiaccio ricopre tutto, intrappolando e uccidendo stelle marine o crostacei.

Cosa sono e come si formano i “brinicle”

Il brinicle è  una sorta di stalattite che può formarsi in mare sotto la superficie ghiacciata (banchisa). Si tratta di un fenomeno osservato già negli anni '60 e '70, filmato per la prima volta durante le riprese del documentario Frozen Planet della BBC nel 2011. È proprio la presenza di temperature basse e acqua salata a causare questo fenomeno: l'acqua di mare si congela a circa –1,8° C, rilasciando i sali al liquido circostante che vede aumentare la sua salinità.

Dato che il sale abbassa la temperatura di congelamento dell'acqua, la frazione di liquido rimanente si raffredda ulteriormente senza solidificarsi, e rimane intrappolata in bolle dentro al ghiaccio. Quest'acqua fredda e carica di sale è più densa e "pesante" di quella marina, che rimane invece a temperature sopra gli 0 °C perché isolata dalla superficie. Da canali e crepe formate nel ghiaccio, l'acqua più salata tende quindi ad affondare, formando una sorta di cascata sottomarina.

Immagine
Un brinicle in formazione: l’acqua fredda e più salata (frecce blu) dalla banchisa sprofonda verso il fondale. L’acqua di mare (frecce azzurre), a contatto con questa corrente fredda, congela avvolgendola.
[psu: unità saline pratiche, misura simile alle "parti per mille" ‰]

Il destino degli animali nei fondali

Il flusso, sprofondando, abbassa però la temperatura dell'acqua che attraversa. Essendo meno salata questa può congelare più facilmente: si forma quindi uno strato di ghiaccio tutt'intorno, una stalattite cava subacquea, che cresce verso il fondale.

Una volta arrivata al fondo, l'acqua più densa scorre come un fiume subacqueo e congela l'area: la velocità non lascia scampo a stelle marine e altri animali lungo il suo percorso, intrappolandoli e uccidendoli.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views