Sfondo burger-menu
19 Settembre 2022
17:45

Il curioso caso degli orsi polari verdi

Gli orsi polari, conosciuti per essere grandi, grossi e bianchi...possono tingersi di colori davvero insoliti se esposti a particolari condizioni.

1.280 condivisioni
Il curioso caso degli orsi polari verdi
orsi polari verdi

Avete mai visto un orso polare che non sia bianco? Sembra strano a dirsi, ma esistono davvero degli orsi polari con una colorazione del pelo fuori dal comune. Il motivo della variazione cromatica dipende dalla particolare struttura dei peli di questi animali. Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

Il pelo dell'orso polare

L'orso polare (Ursus maritimus) ha normalmente una caratteristica pelliccia bianco crema, lunga e folta.
Il colore del suo manto è presumibilmente un adattamento per mimetizzarsi in un ambiente innevato e conservare il proprio calore. Secondo le leggi della termodinamica un corpo tende ad emettere tanto calore quanto ne assorbe: un corpo scuro assorbe ed emette tanto mentre un corpo chiaro assorbe ed emette poco. Per l'orso polare emettere il minimo calore indispensabile è la giusta strategia per trattenerne quanto possibile e per non farsi notare dalle prede.

Ma la vera particolarità della pelliccia degli orsi polari è la struttura dei peli: anche se il manto ci appare bianco in realtà è formato da peli trasparenti cavi simili a cannucce e sebbene la pelle dell'orso sia scura (l'avreste mai detto?), nel complesso la pelliccia appare bianca a causa dell'elevata capacità riflettente di questi tubicini cavi. Ed è proprio questa particolare conformazione dei peli a determinare un fenomeno piuttosto curioso: quello degli orsi verdi.

Immagine
Struttura cava di un pelo di orso polare. Credit: Khattab e Tributsch, 2016

Il perché degli orsi polari verdi

Un bel giorno, durante l'estate del 2008 presso il giardino zoologico di Nagoya (Giappone) la pelliccia di tre orsi adulti diventò improvvisamente verde. Lo stesso fenomeno, sebbene meno marcato, era stato notato anche durante le estati precedenti presso altri zoo, ad esempio a Colonia (Germania) e allo zoo di San Diego (USA).
Gli animali erano in buona salute e nulla faceva presagire soffrissero di qualche condizione grave. Ma allora quel verde, da dove saltava fuori?
Non è certo normale che un orso cambi tutto d'un tratto il colore del proprio manto da bianco a verde. Eppure la spiegazione è piuttosto semplice: la colorazione, particolarmente evidente sui fianchi, zampe e lungo la groppa degli animali dipendeva da alcune alghe presenti non sulla superficie della pelliccia ma all'interno dei singoli peli, depositate a seguito di alcune immersioni nei laghetti del parco.

Per capire cosa sia successo prendiamo come riferimento uno studio pubblicato su Nature di qualche decennio fa che, anche se un po' datato, descrive bene il processo di "colorazione".
Dalle analisi condotte sugli esemplari dello zoo di San Diego, le superfici esterne dei peli degli orsi polari apparivano pulite e lisce: la colorazione era chiaramente attribuibile alla presenza di alghe all'interno dei peli, in particolare nel midollo cavo di molti dei cosiddetto peli di guardia, quelli più larghi (50–200 µm) e più rigidi del mantello esterno. Si è visto, infatti, che i peli più sottili e ondulati del sottopelo (con diametero inferiore a 20 µm) sono incolori e non cavi, "trasparenti" come di consueto.
Insomma, all'interno di alcuni peli (o per meglio dire, del lume dei peli) gli spazi cavi erano in parte occupati da masse di piccole cellule algali dal colore verdastro.
L'effetto cromatico è ovviamente temporaneo, dura finché l'orso non si fa nuovamente un paio di bagni, ma stavolta in acqua pulita!

Avatar utente
Nicole Pillepich
Redattrice
Credo non esista una parola giusta per definirmi: sono naturalista, ecologa, sognatrice e un po’ artista. Disegno da quando ho memoria e ammiro il mondo con occhio scientifico e una punta di meraviglia. Mi emoziono nel capire come funziona ciò che mi circonda e faccio di tutto per continuare a imparare. Disegno, scrivo e parlo di ciò che amo: natura, animali, botanica e curiosità.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?