Sfondo burger-menu
7 Aprile 2022
12:00

Il fungo patogeno della patata che portò alla fine della schiavitù

Il fungo patogeno Phytophthora infestans colpì l'Irlanda a metà dell'Ottocento, causando una gravissima carestia e grandi flussi migratori verso gli USA.

1.460 condivisioni
Il fungo patogeno della patata che portò alla fine della schiavitù
patata-schiavitu

Un fungo che porta alla fine della schiavitù?
Siamo d'accordo anche noi che, detta così, questa notizia possa far storcere il naso… Ma il patogeno Phytophthora infestans fu effettivamente una delle cause che portarono allo scoppio della guerra di secessione americana!
Ma in che modo? Per riassumere, possiamo dire che il patogeno causò una carestia in Irlanda che, a sua volta, diede vita ad enormi flussi migratori di irlandesi verso gli Stati Uniti d'America. Queste persone divennero ben presto manodopera a basso costo negli Stati americani del Nord, permettendo alle industrie di fare a meno degli schiavi. Gli Stati nordisti dichiararono quindi guerra agli Stati del Sud, a quel tempo ancora schiavisti.
Ma andiamo con calma e vediamo passo passo cos'è successo e in che modo un fungo microscopico abbia potuto causare così tanti cambiamenti nel mondo.

Il fungo patogeno Phytophthora infestans

Il protagonista della nostra storia è un patogeno della pianta di patata che ha causato una delle peggiori carestie della storia moderna ed ha aiutato indirettamente a far scoppiare una guerra: parliamo del Phytophthora infestans. In realtà non è un fungo in senso stretto, dal momento che la sua parete non è fatta di chitina, come i funghi classici, ma da cellulosa, come le cellule vegetali. Al di là di questo, l'aspetto importante è che questo fungo, se colpisce la pianta di patata (così come quella di pomodoro), può infettarla causandole una malattia chiamata peronospora.

Phytophthora_infestans
Phytophthora infestans su una pianta di patata. Credit: Rasbak

La carestia irlandese del 1845

Questo fungo arrivò in Irlanda dal Sud America nel 1845. A quel tempo il popolo irlandese basava il proprio sostentamento calorico sulla patata riprodotta per via asessuata. E che vuol dire? La riproduzione asessuata è un tipo di riproduzione molto presente in natura, che non prevede l’incontro tra cellula riproduttiva maschile e femminile. La caratteristica peculiare di questa strategia riproduttiva è che i discendenti sono una copia esatta del genitore, con gli stessi geni, le stesse debolezze e gli stessi punti di forza. Sostanzialmente, dei cloni. Tutta l’Irlanda era cosparsa di un'unica genetica di patata, tutta uguale e sensibile. E cosa fa un nuovo patogeno quando trova queste condizioni favorevoli? Si diffonde! A causa di questa infezione, nel giro di un decennio l'Irlanda fu colpita da un milione di morti (soprattutto per fame), causando una conseguente dipartita di oltre un milione di immigrati in cerca di fortuna altrove.

Gli irlandesi emigrarono principalmente negli Stati Uniti d’America, in particolare negli Stati del Nord, andando ad accrescere quello che era il proletariato urbano di una delle zone più industrializzate del Paese. Da qui nacque lo stereotipo degli immigrati irlandesi mangia patate (tipo il commissario Winchester dei Simpson nella versione originale, per capirci).

patate irlanda

La guerra di secessione e la fine della schiavitù

A causa della carestia, nel giro di pochi anni gli Stati del Nord poterono contare su tantissima nuova manodopera irlandese a basso costo, tanto che divenne più economico stipendiare un immigrato piuttosto che acquistare uno schiavo. L’abbattimento del costo della manodopera permise quindi agli Stati del Nord di distaccarsi dalla necessità di avere manodopera schiava nelle industrie! Questo permise di allontanare ulteriormente il sistema economico degli Stati del Nord (oramai basato su manodopera a basso costo) dalle economie agricole e schiaviste degli Stati sudisti, ancora basate sul sistema delle piantagioni.

Questo divario si accentuò nel corso di un paio di decenni ed aumentò per motivi etici, portando gli Stati del Sud alla dichiarazione di indipendenza per non doversi privare della loro manodopera schiava, come avvenne per gli Stati del Nord. Di conseguenza questi ultimi mossero e vinsero la Guerra di Secessione americana (1861-1865), imponendo l’abolizione della schiavitù alle regioni nemiche.

rievocazione storica guerra di secessione americana
Rievocazione storica della Battaglia di Gettysburg del 1863, una tra le più importanti della Guerra di Secessione americana.

Si tratta di una semplificazione, intendiamoci, ma questa storia (sebbene con dei risvolti positivi) dovrebbe farci capire che basare la nostra produzione agricola su una sola genetica o varietà è enormemente rischioso anche se economicamente più efficiente (vedi anche il caso delle varietà di banana Big Mike e Cavendish). Ecco perché si vuole tendere sempre più alla tutela delle risorse genetiche, ricorrendo a tutte le specie, varietà e qualità che la natura ci offre, con la speranza di resistere a nuovi e possibili patogeni.
Una delle massime espressioni di questa tutela è il Global Seed Vault, la banca mondiale dei semi in Norvegia, che rappresenta il piano B di sopravvivenza dell’essere umano.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?