0 risultati
video suggerito
video suggerito
14 Aprile 2024
6:00

Il tempio indù di Kailasa è uno dei più grandi edifici al mondo scavati nella roccia

Il tempio di Kailasa a Ellora, nello stato indiano del Maharashtra, è uno dei più grandi e monumentali templi induisti, risalente all'VIII secolo. La sua particolarità sta nel fatto di essere una delle più incredibili espressioni di tempio scavato dall'alto in verticale nella roccia, costituendo dunque un unico monolite.

22 condivisioni
Il tempio indù di Kailasa è uno dei più grandi edifici al mondo scavati nella roccia
tempio indu kailasa

Il tempio di Kailasa, nel complesso religioso di Ellora, nello stato del Maharashtra, nell’India Occidentale, è uno dei più grandi dell’intero subcontinente e del Pianeta. È scavato verticalmente nella roccia, dall'alto verso il basso, formando un unico monolite in seguito all'asportazione di circa 200.000 tonnellate di roccia. Non è il solo tempio realizzato così: nell’antica India si sviluppò infatti una precisa corrente architettonica che prevedeva la realizzazione di edifici religiosi scavandoli direttamente nella roccia. La parte più antica del tempio di Kailasa venne costruita nell’VIII secolo su iniziativa di Krishna I, della dinastia Rashtakutra, e fu dedicato alla divinità Shiva, una delle più importanti dell’induismo. Fu realizzato scavando partendo dalla cima della collina e procedendo verso il basso, asportando circa 200.000 t di roccia basaltica.

tempio kailasa india

I templi monolitici indiani hanno la particolarità di non essere costruiti a partire da materiali edilizi come mattoni o blocchi di pietra, ma scavando direttamente nella roccia le forme architettoniche che si vogliono ottenere. Il complesso religioso di Ellora, patrimonio dell’UNESCO, si compone di più di cento strutture scavate nella roccia. Diciassette sono i luoghi di culto induisti, dodici quelli buddisti, e infine cinque quelli giainisti (una religione originatasi dall’induismo). Il tempio Kailasa in particolare è indicato come il numero 16 del complesso.

La particolarità architettonica della struttura sta nell’essere stata ricavata unicamente dallo scavo del fianco di una collina composta di rocce basaltiche. Pur misurando 50 metri di lunghezza, 33 metri di larghezza e 30 metri d’altezza, si tratta quindi di un tempio ricavato da un unico grande pezzo di roccia, ovvero il fianco stesso della collina.

tempio kailasa

Il tempio Kailasa viene spesso considerato il capolavoro di questa antica corrente architettonica indiana. Il motivo sta nella stessa tecnica di realizzazione. A differenza degli altri templi monolitici, scavati intaccando direttamente le pareti rocciose, il complesso è stato realizzato partendo dall’alto e procedendo poi verso il basso. Si stima siano state asportate qualcosa come 200.000 tonnellate di roccia basaltica per realizzare sculture, pilastri e colonne.

Il complesso del tempio, influenzato dall’architettura dravidica (una tipologia architettonica tipica dell’India Meridionale, ben diversa rispetto ai moduli applicati nella parte settentrionale) riproduce il Monte Kailash, la dimora del Signore Shiva, da cui il nome "Kailasa".

La struttura principale del tempio è circondata da un cortile a forma di U, incassato sul fianco dell’altura da cui è stata ricavata, con un imponente portale che conduce al tempio principale. All’interno il tempio presenta sulle pareti e i pilastri intricati intagli raffiguranti varie divinità indù, scene mitologiche (fra cui il Ramayana, uno dei più grandi e importanti poemi epici indiani, composto probabilmente nello stesso periodo dei poemi omerici, tra l’VIII e il VII secolo a. C.) e motivi religiosi. Il complesso venne iniziato nell’VIII secolo, ma subì modifiche e ingrandimenti nel corso dei secoli. Gli storici dell’arte e dell’architettura che si sono occupato del tempio Kailasa, ritengono che le ultime fasi decorative siano databili al XVIII secolo, quindi ben un millennio dopo l’impianto iniziale.

tempio india scavato roccia

Oltre al valore artistico e architettonico, il tempio rimane uno dei luoghi di culto più sacri dell’induismo. Il sito ha un immenso significato religioso e storico per i seguaci dell’induismo, come luogo di pellegrinaggio e simbolo di devozione al Grande Signore Shiva. Il tempio attira migliaia di turisti e devoti da tutto il mondo che vengono ad ammirare il suo splendore architettonico e l'atmosfera spirituale.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views