4 Ottobre 2022
16:26

La NATO lancia l’allarme su possibili test nucleari russi ordinati da Putin al confine con l’Ucraina

Un'informativa della Nato avverte i Paesi membri su possibili test nucleari russi al confine dell'Ucraina. Potrebbero essere usati droni sottomarini o armi nucleari tattiche.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
4.876 condivisioni
La NATO lancia l’allarme su possibili test nucleari russi ordinati da Putin al confine con l’Ucraina
test nucleari russia

Stando a quanto dichiarato dalla testata britannica Times, il presidente russo Vladimir Putin starebbe preparando le forze armate russe per compiere test con armi nucleari al confine con l'Ucraina. Le informazioni provengono da un'informativa inoltrata dalla Nato agli Stati membri nella quale, tra le altre cose, vengono citati gli avvistamenti del sommergibile Belgorod e il suo possibile utilizzo per il lancio del drone sottomarino nucleare Poseidon nelle acque del Mar Nero.
In aggiunta, secondo l'analista polacco Konrad Muzyka, ci sarebbe un treno militare russo della divisione nucleare diretto verso l'Ucraina: si tratterebbe dell'unità responsabile delle munizioni nucleari, della loro manutenzione e del loro stoccaggio. In altre parole, non è da escludere il possibile utilizzo di armi nucleari tattiche nel test.
Sempre secondo la testata inglese, la mossa di Putin servirebbe a "dimostrare la sua volontà di usare armi di distruzione di massa con un test nucleare" in risposta alla progressiva perdita di terreno da parte di Mosca sul campo di battaglia ucraino.

Pochi giorni fa infatti, in seguito al referendum sull'annessione di territori ucraini alla Russia, Putin aveva dichiarato in conferenza stampa che avrebbe usato ogni mezzo per difenderli, incluse le armi nucleari. Ciononostante, poche ore dopo la notizia di un presunto treno russo con materiale nucleare diretto al confine con l'Ucraina, il Cremlino ha smentito la notizia, affermando che si tratti di disinformazione occidentale.

Al momento non è possibile sapere quale delle due parti abbia ragione ma, nel dubbio, agli abitanti di Kiev sono state fornite pillole a base di ioduro di potassio: queste riducono la quantità di radiazioni assorbite dalla tiroide, limitando i possibili effetti collaterali di un attacco nucleare alla capitale.

Di seguito un nostro articolo per approfondire l'argomento:

Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views