Sfondo burger-menu
19 Dicembre 2021
12:00

Le differenze tra benzina, gasolio, metano e gpl

Nelle stazioni di rifornimento vengono venduti molti carburanti diversi, dalla benzina al GPL, passando per metano e gasolio. Ma cosa cambia tra un tipo e l'altro?

3.586 condivisioni
Le differenze tra benzina, gasolio, metano e gpl
benzina-gpl

Ma cosa cambia tra una e l'altra? Tra benzina, gasolio (erroneamente chiamoto diesel), GPL e metano? In questo articolo faremo chiarezza non soltanto sulle diverse tipologie di carburante per auto, ma vedremo anche quali sono quelle più utilizzate. Pronti? Vamos!

Benzina

La benzina è una tra le tipologie di combustibili più diffuse al mondo. Nel corso degli anni ne sono state commercializzate diverse varietà e, ad oggi, quello che differenzia un tipo dall'altro è il numero di ottano (si, si dice al singolare). Per dirla in modo semplice, tanto più il numero di ottano è vicino al 100, quanto più il combustibile permette al motore di performare meglio. La benzina che viene venduta nella maggior parte dei distributori, rinominata "super" ha un numero di ottano pari a 95; ne esistono alcune versioni più costose (come la "super + ") che possono spaziare dai 98 ai 100 ottani.

Quando andiamo dal benzinaio, la benzina "normale", cioè la super, si riconosce per le pompe dal tipico colore verde e per la lettera "E" all'interno di un cerchio, che rappresenta la quantità di etanolo. L'etanolo, per intenderci, è un biocarburante la cui percentuale può variare dallo zero all'85% circa all'interno della benzina. Se accanto alla "E" è presente un numero (es. E 10), vuol dire che all'interno del carburante è presente quella percentuale di etanolo.

benzina E10

Benzina con il piombo

Storicamente, una delle benzine più diffuse è stata quella al piombo o, come veniva chiamata più comunemente, la "benzina rossa". In questa tipologia di carburante veniva aggiunto il piombo sotto forma di piombo tetraetile, un composto che permetteva di aumentare il numero di ottano del carburante. Il piombo però è un metallo pesante e ci si è fortunatamente accorti che il suo utilizzo era estremamente nocivo sia per l'ambiente che, soprattutto, per l'uomo stesso. La sua messa al bando fu possibile solo grazie all'intervento del geologo Clair Patterson che riuscì a identificare un chiaro legame tra la presenza di piombo nell'aria (tossico) e l'utilizzo di quella benzina nelle auto americane. Lo stop definitivo alla vendita della "rossa" in Italia e nell'Unione Europea arrivò nel 2002, ben sedici anni dopo gli USA.

benzina rossa

Gasolio

Il gasolio è quello che, erroneamente, viene chiamato "diesel". In realtà il diesel è una tipologia di motore, quindi è una tecnologia , mentre il gasolio è il tipo di carburante per quel motore.
In realtà il gasolio ha moltissimi utilizzi, dal trasporto leggero a quello pesante, passando anche per gli impianti di riscaldamento. Rimanendo nel campo delle automobili però, possiamo dire che le diverse tipologie di gasolio si differenziano tra loro principalmente per due fattori:

  • percentuale di biodiesel, cioè quanto di quel carburante viene ottenuto a partire da fonti rinnovabili;
  • numero di cetano, cioè un parametro che indica la facilità di accensione di quel combustibile – diciamo che è l'equivalente del numero di ottano per il gasolio.
gasolio pompa

Il diesel, nei distributori, è indicato con il colore nero e con una sigla composta dalla lettera B più un numero. Quel numero rappresenta la percentuale di biodiesel nel carburante e se la sigla è XTL vuol dire che quello è gasolio sintetico. In commercio, oltre al gasolio tradizionale (spesso indicato sulle pompe di benzina come "diesel"), è presente anche il diesel blu o il diesel +, cioè gasolio con un numero di cetano maggiore.

GPL

GPL

Per GPL si intende Gas di petrolio liquefatto, e non gas propano liquido. Si tratta di una miscela derivata dalla distillazione di idrocarburi ed è principalmente composta da propano e butano. Il GPL si presenta allo stato gassoso a temperatura e pressione ambiente, ma generalmente lo si liquefa per stoccarlo e/o trasportarlo più facilmente. Il processo di liquefazione è tecnicamente più semplice rispetto al gas naturale (metano) dal momento che richiede pressioni meno elevante e temperature meno basse.
Questo carburante ha il vantaggio di avere emissioni meno inquinanti e un costo decisamente più ridotto; d'altra parte in Italia i distributori non sono così capillari come quelli di gasolio o benzina e, per questo motivo, la sua diffusione è tutt'ora relativamente limitata.

Metano

Metano rifornimento

La maggior parte del metano (CH4) utilizzato nella nostra società è un combustibile fossile, cioè è estratto direttamente dai giacimenti naturali nel sottosuolo. Il vantaggio di un veicolo a metano, malgrado la rete di distribuzione non sia così capillare, è legata al suo basso costo e alla possibilità di circolare in città nonostante i blocchi del traffico. Inoltre il bollo di queste auto è generalmente più basso rispetto a quello di un auto a benzina o gasolio.

Differenza tra GPL e Metano

Innanzitutto il GPL e il Metano hanno due origini diverse: il primo è un derivato del petrolio, mentre il secondo si estrae tal quale da giacimenti sotterranei. Questa differenza si riflette anche nelle emissioni: il metano ha un impatto ambientale minore rispetto ai competitor. D'altro canto però questo tipo di combustibile ha una minore potenza e, quindi, le auto a metano sono mediamente meno performanti rispetto a quelle a GPL, gasolio o benzina.
Tornando alle differenze tra GPL e metano, bisogna segnalare anche una diversa rete di distribuzione. Ad esempio, in Italia al momento sono presenti circa 1500 distributori di metano, contro gli oltre 4300 del GPL. In tutte queste stazioni, per entrambe le tipologie di carburante, non è possibile effettuare rifornimento tramite self-service.

Emissioni dei carburanti

Quanta CO2 viene emessa da ciascun tipo di carburante? Per quantificare questo valore possiamo considerare innanzitutto quanta ne viene prodotta per ciascun litro di carburante consumato. Abbiamo:

  • Metano: 2750 g/kg
  • Gasolio: 2650 g/l
  • Benzina: 2380 g/l
  • GPL: 1610 g/l

Oltre al consumo per litro è necessario considerare anche i consumi medi relativi ai chilometri percorsi, dal momento che la distanza coperta da un litro di carburante varia molto a seconda della tipologia di motore. Se, per esempio, consideriamo le emissioni relative ad una Fiat Panda 1.2 per 100 km, i valori saranno pari a:

  • Benzina: 133 g/km
  • GPL: 116 g/km
  • Gasolio: 114 g/km
  • Metano 113 g/km

Ripetiamo: questi sono valori riferiti ad uno specifico tipo di auto (la Fiat Panda 1.2); ovviamente cambieranno a seconda della cubatura del veicolo che viene preso in considerazione.

La tipologia di auto più venduta nel 2019 e 2021

Come riportato dall'ACEA (European Automobile Manufacturers’ Association), tra luglio e settembre 2021 le vendite di nuove auto in Europa sono così suddivise:

  • Benzina 39,5%
  • Elettrico ibrido 20,7%
  • Diesel 17,6%
  • Elettrico 9,8%
  • Ibrido plug-in 9,1%
  • Gas naturale 0,4%
  • Altro %
carburanti percentuali 2021

Questi dati sono piuttosto significativi perché, per la prima volta, al secondo posto troviamo le auto elettriche con una percentuale vicina al 21%. Questo è un chiaro segnale di come, almeno a livello europeo, la situazione stia nettamente cambiando. Per fare un confronto, possiamo paragonare i dati visti sopra con quelli del 2019 (periodo gennaio – marzo):

  • Benzina 55,5%
  • Diesel 37,9%
  • Elettrico ibrido 3,4%
  • Elettrico 1,7%
  • Altro 1,5%
carburanti percentuali 2019
Avatar utente
Stefano Gandelli
Redattore
Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?