30 Novembre 2023
7:00

Mercato libero e mercato tutelato dell’energia in Italia: facciamo il punto sulla situazione

Nel 2024 terminerà il regime di mercato tutelato sulle bollette: a gennaio per il gas e ad aprile per l'elettricità. Scopriamo le differenze tra il mercato tutelato e il mercato libero e come la decisione del Governo influirà sulle tariffe.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
A cura di Marco Gianni
248 condivisioni
Mercato libero e mercato tutelato dell’energia in Italia: facciamo il punto sulla situazione
  1. Immagine

Il Governo italiano non ha prorogato il regime di mercato tutelato per l’energia elettrica e il gas naturale, inaugurando quindi la fase di transizione al mercato libero. Questo impatterà direttamente sulle nostre bollette: da gennaio 2024 scomparirà il regime di mercato tutelato per il gas e da aprile 2024 per l'elettricità. Vediamo quali sono le differenze tra mercato tutelato e mercato libero, come si capisce in che tipo di mercato è la propria utenza, quali sono le tempistiche di questa transizione e quale dei due regimi è più conveniente.

Le differenze tra mercato libero e mercato tutelato

Il mercato tutelato, chiamato a volte anche “servizio a maggior tutela”, è una situazione in cui la fornitura di energia elettrica o gas naturale (il metano) che acquistiamo per la nostra abitazione ha un prezzo e un contratto definito da Autorità nazionali. Gli utenti che appartengono al mercato tutelato pagano la tariffa che è aggiornata ogni tre mesi (per l’energia elettrica) o ogni mese (per il gas) dall’Autorità per l’energia (ARERA). Non esiste in questo caso nessun tipo di concorrenza.

Il mercato libero, invece, permette a qualsiasi società del settore di produrre, acquistare e vendere energia elettrica e gas in un regime di libera concorrenza, ovvero decidendo liberamente il prezzo di vendita. Il mercato libero prevede la concorrenza tra numerosi fornitori di energia e/o gas, per cui l’utente paga una tariffa che è stata concordata direttamente con l’azienda privata che preferisce. I potenziali fornitori quindi in questa situazione sono spinti a “gareggiare” tra di loro per garantire prezzi competitivi rispetto per attirare il maggior numero possibile di utenti. In questo contesto il prezzo dell’energia è definito durante la firma del contratto e può essere fisso nel tempo o variabile in base a particolari criteri. Per esempio, in alcuni contratti è legato al PUN (Prezzo Unico Nazionale), ovvero il prezzo di riferimento dell’energia elettrica acquistata sul mercato della Borsa Elettrica Italiana (IPEX). I costi di gestione (imposte, contatore e altri) sono uguali per il mercato libero e quello tutelato.

Il mercato dell’energia elettrica e del gas in Italia è stato liberalizzato a partire dal 1999, con il Decreto Bersani. La transizione tra mercato tutelato e libero è stata impostata in maniera graduale, tanto che oggi convivono entrambe le situazioni. Inizialmente, la fine del mercato tutelato era prevista nel biennio 2015-2016, ma è stata prorogata più volte fino ad arrivare all’inizio del 2024. Con le ultime decisioni in materia di energia, il governo italiano ha deciso di non prorogare ulteriormente il regime di mercato tutelato.

Come faccio a sapere in che tipo di mercato sono?

Per capire se si è in regime di mercato tutelato o mercato libero, basta controllare una delle ultime bollette ricevute. Ogni fornitore è obbligato infatti a fornire questa informazione all’interno della bolletta. Solitamente l’informazione si trova in alto a destra o a sinistra nella prima pagina, al di sotto del logo del fornitore di energia o gas.

Immagine
Fonte: altroconsumo.it

Quando si deve passare da mercato tutelato a libero?

Per il passaggio da mercato tutelato a libero sono previste tempistiche diverse per l’energia elettrica e per il gas nazionale. Inoltre, le scadenze sono valide solo per utenti non vulnerabili, escludendo coloro che sono in condizioni economiche svantaggiate, chi presenta condizioni di salute gravi e certificate, i disabili ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92, chi abita in strutture di emergenza al seguito di calamità, chi abita in un’isola minore non interconnessa alla rete nazionale e chi ha superato i 75 anni di età anagrafica. Alcuni vulnerabili potrebbero non essere riconosciuti automaticamente tali dal proprio fornitore pur avendone le caratteristiche e dunque dovranno compilare un’autodichiarazione (presente sul sito dell'ARERA o da chiedere al venditore) e inviarla al venditore stesso per mantenere il regime di mercato tutelato.

Gli utenti di contratti dell’energia elettrica passeranno ad un servizio a Tutele Graduali con un fornitore che si aggiudicherà un’asta territoriale e sarà soggetto a un’offerta PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela – con condizioni contrattuali stabilite da ARERA ma prezzo stabilito dal fornitore) a partire da aprile 2024. Gli utenti con fornitura di gas naturale passeranno ad un’offerta PLACET a partire da gennaio 2024 con il loro fornitore attuale. In ogni caso, nessuna persona che attualmente ha un’utenza regolata dal mercato tutelato rimarrà senza energia elettrica e gas durante la transizione al mercato libero.

Immagine

Come funzionano le tariffe nel mercato libero

Il mercato libero può portare a maggiori risparmi per gli utenti di contratti per la fornitura di energia elettrica e gas naturale, perché la concorrenza spinge i vari fornitori a elaborare diverse offerte che possono risultare più o meno vantaggiose in base ai consumi di ogni persona. Nel mercato libero i fornitori possono definire il prezzo della materia prima (energia elettrica o gas) e il tipo di tariffa tra fissa (quindi più prevedibile nel tempo ma in genere più costosa) o variabile (meno prevedibile ed esposta a picchi di prezzo, ma generalmente più conveniente).

Normalmente, inoltre, le offerte di energia elettrica nel mercato libero hanno una differenza maggiore di tariffa tra le fasce orarie, ovvero la tariffa applicata ai giorni feriali dalle 8 alle 19 e quella applicata nei giorni feriali dalle ore 19 alle 8 e nei giorni festivi. L’ARERA ha aperto un portale per confrontare tutte le offerte presenti in una data zona che è facilmente consultabile da questo link e permette di identificare le offerte maggiormente convenienti.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views