episodio 38

Come si fugge dalla Corea del Nord? L’intervista esclusiva a un uomo che ci è riuscito

Timothy Cho è un attivista per i diritti umani nordcoreano che è riuscito a scappare dalla Corea del Nord. Come ha fatto? E come si vive sotto la dittatura di Kim Jong-un? Ce lo ha raccontato in un'intervista esclusiva.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
1 Febbraio 2024
18:32
86 condivisioni
Come si fugge dalla Corea del Nord? L’intervista esclusiva a un uomo che ci è riuscito
Intervista a Timothy Cho
Attivista nordcoreano per i diritti umani
fuggito dalla corea del nord intervista esclusiva
Stai guardando GeopolitiX non perderti altri contenuti di Geopop
Immagine

Se nasci in Corea del Nord, non puoi andartene dal Paese no viaggiare all'estero. La Corea del Nord, infatti, è probabilmente il Paese più isolato al mondo, governato attraverso la dittatura totalitaria di Kim Jong-un e, prima di lui, di suo padre e di suo nonno. Per capire cosa significa davvero vivere in Corea del Nord, quali sono le sue regole e come è possibile riuscire a scappare dal Paese, abbiamo intervistato una delle poche migliaia di persone che, nel corso dei decenni, sono riuscite a fuggire dalla Corea del Nord. Si tratta di Timothy Cho, attivista nordcoreano per i diritti umani di 35 anni, scappato per due volte dalla Corea del Nord e ora residente nel Regno Unito. Di seguito trovate la trascrizione tradotta di un estratto dell'intervista, che potete vedere integralmente nel video qui sopra.

Alessandro: «Timothy, com'è possibile che le persone non possano andarsene dalla Corea del Nord?».

Timothy: «Le persone non hanno il passaporto; non sanno cosa sia un passaporto. E gli spostamenti tra paesi, città e province in Corea del Nord non sono consentiti senza un permesso e dei documenti viaggio rilasciati dalle autorità. Partire o scappare in un altro Paese, in sé e per sé, è un atto di terrorismo. Questo è il motivo per cui la Convenzione di Ginevra dell’ONU ha riconosciuto ai nordcoreani il diritto d’asilo come rifugiati politici, religiosi ed economici. La Cina ovviamente non segue queste regole: arresta i fuggitivi e li manda di nuovo in Corea del Nord.

In questa prospettiva i nordcoreani sanno che oltrepassare il confine significa rischiare la vita. Molti fuggitivi vengono arrestati e messi in prigione o nei gulag o giustiziati. Inoltre le famiglie di chi scappa vengono etichettate come "traditrici" per le successive tre generazioni e vengono discriminate dalla società.

Il sistema è quello di una società-prigione: non puoi esprimerti e non puoi scegliere liberamente quello che vuoi indossare, il tuo taglio di capelli, il tipo di scarpe, i vestiti».

Alessandro: «Quanto sanno i nordcoreani del mondo esterno, degli altri Paesi?».

Timothy: «Le informazioni provenienti dall'estero sono completamente bloccate. Solo pochi oggetti di contrabbando riescono a entrare in Corea del Nord: questa è la ragione per cui alcune associazioni per i diritti umani contrabbandano dall’esterno delle chiavette USB che contengono notizie, film, fotografie e libri. Le autorità, però, sanno chi controllare, chi dev’essere osservato. Il sistema in sé è pensato per auto-controllarsi: chi sta dietro di me mi guarda, lo stesso chi mi sta accanto, io guardo quello davanti.

Spesso le persone mi chiedono: “perché la Corea del Nord non è stata mai in grado di ribellarsi contro questo regime autoritario?”. Il fatto è che in un Paese come la Corea del Nord l’informazione è completamente bloccata: niente telefoni, niente internet, niente Facebook».

Alessandro: «Timothy, come viene vista la famiglia Kim e come viene considerato Kim Jong-un nel Paese?».

Timothy: «Quando Kim Il-sung [il nonno di Kim Jong-un] è morto, ho pianto. Sono andato a scuola e tutti sembravano in lutto e tristi. Ricordo ancora l’atmosfera: il Paese era in lacrime ed era la stagione delle piogge e pioveva e al telegiornale hanno detto: "anche il cielo è molto triste perché il nostro dio è morto". E pensavo davvero fosse il nostro dio. E ho chiesto a mio padre: "cosa faremo adesso? È morto. Il nostro dio è morto. Moriremo anche noi?". E mio padre disse: "no, vivrà nei nostri cuori per sempre. È il nostro leader eterno". E mi ha anche detto che avremmo seguito il secondo Kim. Adesso governa il terzo Kim.

La dinastia Kim ha creato una storia mitica su se stessa. A scuola la maggior parte del tempo era dedicata a memorizzare la biografia della famiglia Kim. Inoltre, alle elementari, alle superiori, all’università, nelle fabbriche, dappertutto, dentro le stanze ci sono le immagini dei tre leader sulle pareti. E in giro ci sono circa 50.000 monumenti della famiglia Kim e ti devi inchinare davanti alle statue».

Attenzione: il resto dell'intervista e la storia della fuga di Timothy sono nel video che trovate in alto.

Classe ‘88, sono laureato in Scienze Geografiche e prima di Geopop ho lavorato per lo sviluppo di progetti socio-ambientali, scritto un romanzo di viaggio, insegnato Geografia, Storia e Lettere alle superiori e fatto divulgazione su YouTube e RaiGulp. Viaggiare e raccontare il mondo è la mia passione: geopolitica, luoghi, usi e costumi, storie… Da bambino adoravo Piero Angela e Indiana Jones.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?