Sfondo burger-menu
1 Settembre 2022
7:30

Ipazia d’Alessandria: storia della scienziata, inventrice e filosofa dell’antica Grecia

Ipazia d'Alessandria è una delle prime scienziate e filosofe di cui abbiamo testimonianza, diventando uno dei simboli della lotta per la libertà di pensiero.

3 condivisioni
Ipazia d’Alessandria: storia della scienziata, inventrice e filosofa dell’antica Grecia
Immagine
Credits: sullo sfondo SciVi 3D studio CC BY–SA 4.0

Ipazia d'Alessandria fu una scienziata e filosofa nata approssimativamente tra il 355 e il 370 d.C. ad Alessandria d'Egitto e uccisa da fanatici religiosi nel 415 d.C., proprio a causa delle sue ampie conoscenze e della sua volontà di essere una donna capace di esercitare il libero pensiero. In questo articolo ripercorriamo la sua storia, le sue eccezionali invenzioni e le motivazioni che la portarono alla morte.

Una breve biografia

Ipazia nasce ad Alessandria in Egitto ed è figlia del matematico e filosofo Teone, il quale era già membro del Museo che – diversamente da come lo pensiamo noi oggi – era la massima istituzione culturale ellenistica dedicata alle muse, le figure divine dell'epoca collegate all'arte e alla conoscenza.
Fin dalla tenera età Ipazia si forma presso la biblioteca di Alessandria e, una volta adulta, prende il posto del padre nell'insegnamento presso il Museo. Qui tiene lezioni di matematica e astronomia e commenta insieme al padre alcune opere di Euclide, Tolomeo, Apollonio e Diofanto.

Immagine

Ipazia diventa inoltre membro di punta della Scuola Alessandrina, corrente di pensiero filosofica relativa all'ultima fase del neoplatonismo. Oltre a insegnare, Ipazia tiene delle orazioni anche al di fuori dei luoghi di formazione, si espone e racconta le sue riflessioni e le sue teorie ad ampi pubblici. Fa tutto questo in un periodo storico complesso per una donna pagana: con l'Editto Tessalonica (380 d.C.) il cristianesimo era diventato religione di Stato, i vescovi avevano ampliato enormemente il loro potere e le altre comunità religiose furono come minimo marginalizzate se non anche danneggiate.
Tutto ciò che sappiamo su questa donna di cultura purtroppo non viene da suoi scritti, ma è stato riportato da suoi colleghi contemporanei che la descrivono come una donna dalla spiccata intelligenza. Furono proprio il suo acume e la sua volontà di libertà a non essere accettate da fanatici cristiani che la ritennero la causa dei problemi politici della città di Alessandria.

Le invenzioni di Ipazia

A Ipazia di Alessandria sono attribuite molte invenzioni, tra queste eccone due:

  1. l'astrolabio piatto ovvero un antico strumento astronomico composto da due dischi di metallo che ruotavano l'uno sull'altro con cui era possibile calcolare la posizione di astri, satelliti, pianeti, ma anche il tempo. Sembrerebbe che Ipazia abbia usato l'astrolabio per studi astronomici che mettevano in discussione la teoria tolemaica, vigente al tempo.
  2. l'aerometro, uno strumento cilindrico con un galleggiante atto a stabilire il peso specifico dei liquidi.

L'uccisione di Ipazia d'Alessandria

Ipazia morì nel marzo del 415 d.C. ed è molto probabile che il mandante del suo omicidio fu il vescovo Cirillo, nipote di Teofilo (patriarca che aveva esercitato il suo potere in modo da danneggiare le comunità pagane). Non sono chiare le motivazioni dell'odio provato da Cirillo verso Ipazia che, semplicemente, aveva deciso di non convertirsi mai al cristianesimo, ma spesso aveva insegnato a discepoli proprio di religione cristiana.
Secondo alcuni autori l'astio era dovuto al fatto che il vescovo Cirillo l'aveva vista tenere delle lezioni a numerosi uomini, cosa che non era tollerata al tempo. Inoltre Ipazia era stata in grado di stringere un legame col prefetto della città di Alessandria (Oreste) che tempo prima però era stato aggredito da un fanatico cristiano. L'aggressore venne condannato per il suo gesto, ma fu innalzato a martire dallo stesso Cirillo. Questo per mostrarvi come Ipazia fosse vicina ad ambienti che risultavano essere controcorrente rispetto alle volontà del vescovo.

Immagine

Insomma: Ipazia era una donna colta, pagana e libera di tenere lezioni di scienza e filosofia, nonché di avere legami con figure di riferimento del potere politico di Alessandria d'Egitto, tutte cose che il vescovo non poteva accettare. Per questi motivi un giorno Ipazia, come fosse la protagonista di un vero e proprio sacrificio, fu prelevata da un gruppo di fanatici, subì numerosissime percosse, il suo corpo fu martoriato e infine venne data alle fiamme.

Avatar utente
Camilla Ferrario
Redattrice
L’universo è un posto strano e il modo che abbiamo di abitarlo cattura continuamente la mia attenzione. “Sii curiosa” è il mio imperativo: amo provare a ricostruire indizio per indizio il grande enigma in cui ci troviamo. Sono laureata in Filosofia, ho fatto la speaker in una web radio e adoro il true crime. Di cosa non posso fare a meno? Del dialogo aperto con gli altri e della pasta alle vongole.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?