Sfondo burger-menu
14 Ottobre 2022
12:51

Samantha Cristoforetti sta per rientrare sulla Terra

Dopo quasi sei mesi nella Stazione Spaziale Internazionale, Astrosamantha e altri tre astronauti sono in attesa dell'autorizzazione per fare rientro sulla Terra.

2.914 condivisioni
Samantha Cristoforetti sta per rientrare sulla Terra
Immagine

Manca ormai pochissimo per Samantha Cristoforetti, Kjell Lindgren, Jessica Watkins e Robert Hines, i quattro astronauti partiti per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) alla fine di aprile. Altri quattro astronauti sono arrivati il 5 ottobre nella ISS per dar loro il cambio.
Cristoforetti e i suoi tre colleghi dovevano inizialmente partire alle 1:05 italiane del 13 ottobre, ma per via del maltempo previsto nella zona di rientro (al largo della costa di Daytona Beach, in Florida) la partenza è stata posticipata alle 16:00 e poi alla giornata di oggi, venerdì 14 ottobre. Se il meteo lo consentirà, gli astronauti partiranno alle 17:35 italiane di oggi, per ammarare alle 22:50.

Mentre aspettiamo il GO definitivo per i quattro astronauti, andiamo a ripercorrere le tappe principali della seconda avventura orbitale di Astrosamantha.

La missione Minerva

Il nome che Samantha Cristoforetti ha scelto per la sua seconda missione a bordo della ISS (la prima fu nel 2014-2015: Cristoforetti diventò la prima donna italiana nello spazio) è Minerva, la dea romana legata alla saggezza, alla disciplina e alla tenacia. Il logo della missione raffigura la civetta, animale associato a Minerva. Il becco ricorda la forma della ISS, l'occhio rappresenta la Terra mentre le onde simboleggiano le orbite della stazione spaziale. Come dichiarato da Cristoforetti, il nome Minerva nasconde un acronimo: Marvel, Inspiration, Nourishment, Exploration, Research, Voyage, Adventure (“meraviglia, ispirazione, nutrimento, esplorazione, ricerca, viaggio, avventura”).

Immagine
Samantha Cristoforetti mostra il logo della missione Minerva (credit: ESA–A. Conigli).

La missione, partita il 27 aprile e durata circa 170 giorni, è arrivata sulla ISS a bordo della capsula Crew Dragon "Freedom", l’ultima costruita dall’americana SpaceX, spinta da un razzo Falcon 9 (sempre di SpaceX) lanciato dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral. La stessa Freedom verrà usata anche per il viaggio di ritorno.

Immagine
La capsula Dragon che ha portato Samantha Cristoforetti nella ISS, pronta sulla piattaforma di lancio poco prima della partenza (credit: SpaceX).

La missione di volo, chiamata Crew-4, è durata 17 ore dopo con l'arrivo dei quattro astronauti nella Stazione Spaziale Internazionale nella notte tra il 27 e il 28 aprile.

Immagine
L’arrivo di Samantha Cristoforetti nella ISS (credit: NASA).

I ruoli di Samantha Cristoforetti

Durante i viaggi di andata e ritorno Cristoforetti è stata specialista di missione. Una volta a bordo della ISS, l'astronauta italiana è stata responsabile delle attività nel segmento occidentale della stazione spaziale, che consiste nei moduli americano, europeo, giapponese e canadese (ovvero tutti tranne quello russo). Il 28 settembre, poi, Cristoforetti è stata nominata comandante della ISS, carica che ha ricoperto fino al giorno prima del suo rientro a terra, quando ha passato il testimone al russo Sergey Prokopyev. Samantha Cristoforetti è stata la prima donna europea a capo della ISS.

Immagine
Samantha Cristoforetti riceve da Oleg Artemyev, precedente comandante della ISS, la tradizionale chiave che simboleggia il passaggio di consegne nella cerimonia di proclamazione dei nuovi comandanti della ISS (credit: NASA).

La prima attività extraveicolare di Samantha Cristoforetti

Il 21 luglio Samantha Cristoforetti è diventata la prima donna europea a compiere un'attività extraveicolare, cioè a uscire fisicamente dalla ISS per compiere lavori di vario tipo. Cristoforetti e il collega russo Oleg Artemyev sono stati fuori dalla stazione per oltre sette ore, durante le quali hanno messo a punto il braccio robotico europeo sul modulo russo della ISS. È stata la prima attività extraveicolare di un astronauta europeo di questa generazione con un astronauta russo e la prima compiuta da un astronauta europeo con una tuta di realizzazione russa.

Immagine
Samantha Cristoforetti durante l’EVA del 21 luglio (credit: NASA).

Gli esperimenti scientifici

La maggior parte del tempo trascorso dagli astronauti in orbita è dedicato a compiere vari esperimenti scientifici che spaziano tra gli ambiti più disparati: biologia, medicina, scienza dei materiali e via dicendo. La missione Minerva prevedeva svariati esperimenti italiani, alcuni già a bordo della ISS (Acoustic Diagnostics, Nutriss e Lidal) e altri portati a bordo dalla stessa Cristoforetti (Prometeo, Ovospace ed Evoos). L’astronauta si è dedicata anche a svariati esperimenti internazionali. Qui per esempio la vediamo impegnata con Space Biofilms, che studia la crescita di microrganismi (in particolare muffe e funghi) in condizioni di microgravità sulle superfici metalliche.

Immagine
Credit: ESA

Questi microrganismi vanno a formare i cosiddetti biofilm, pellicole biologiche che sulla Terra causano infezioni e nello spazio possono mettere a rischio tute spaziali, sistemi di riciclo dell'acqua e radiatori. Scopo dell’esperimento è capire come si formano i biofilm ed evitare i problemi a essi collegati.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?