Sfondo burger-menu

Generazione 2X: la nostra società è troppo veloce

Viviamo in una società sempre più veloce, dove ogni azione viene fatta al 2X - dagli audio di whatsapp alla visione dei film. Ma quali sono le conseguenze?

A cura di Andrea Moccia
27 Giugno 2022
18:30
24 condivisioni
Generazione 2X: la nostra società è troppo veloce
generazione 2X

Fino a qualche tempo fa per comunicare a distanza ci si chiamava al telefono. Negli ultimi tempi invece mandiamo un messaggio su Whatsapp per chiedere quando possiamo chiamare o, ancora oltre, mandiamo direttamente un messaggio vocale e aspettiamo che l'altra persona ci risponda non appena riesce. Chi riceve quel messaggio vocale, probabilmente lo ascolterà a 2X, cioè a velocità doppia.
A vederlo così questo dettaglio potrebbe sembrare irrilevante… ma se fosse un segnale che la nostra società sta incominciando ad andare troppo veloce?

Un mondo così veloce potrebbe farci perdere qualcosa per strada, contribuendo ad abbassare anche la nostra soglia dell'attenzione.
Tanto per fare un esempio, pensate che su Facebook il tempo medio di visione di un video è pari a circa 5-10 secondi. Vuol dire che dopo nemmeno 10 secondi diverse persone chiudono il video e commentano, basandosi principalmente sui propri pregiudizi e su quello che pensano di aver capito – ammesso che in un tempo così corto si possa effettivamente comprendere il senso di un video che in totale dura 8-10 minuti.

Anche nel mondo della musica sta accadendo la stessa cosa: negli ultimi vent'anni la durata media delle canzoni si è ridotta in media di 40 secondi, passando dai 4 minuti a 3:20 minuti. Ma non è solo una questione di tempi: anche la qualità dei contenuti è più superficiale. Chissà forse è un cane che si morde la coda…poca attenzione, qualità dei contenuti bassa, ed essendoci qualità bassa la soglia di attenzione cala…

In questo video cercheremo di snocciolare questo argomento, cercando di riflettere sul significato della velocità nel nostro tempo e sul possibile impatto sulla nostra società.

Avatar utente
Andrea Moccia
Direttore editoriale
Sono nato nell'Agosto del 1985, a Napoli. Mi sono pagato gli studi universitari vendendo pop-corn e gelati nelle sale di un Cinema. Ho lavorato per dieci anni in giro per il mondo, di cui sette all'Istituto nazionale francese dell'energia, in qualità di geologo e team manager. Nel 2018 a Parigi, per gioco, è nata Geopop, diventata nel 2021 una azienda del gruppo Ciaopeople. Sono dell'idea che la cultura sia la più grande ricchezza per un Paese e ho deciso di dedicare la mia vita per offrire un contributo e far appassionare le persone alla conoscenza. Col sorriso :)
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?