variazioni climatiche passato

I cambiamenti climatici sul nostro pianeta ci sono sempre stati, non sono una cosa nuova. Ma quello a cui stiamo assistendo oggi ha qualcosa di diverso? In questo video vedremo non solo quali sono state le variazioni climatiche del passato, ma anche la differenza tra il cambiamento climatico attuale e quelli avvenuti nel corso delle ere geologiche.

Diverse persone sono convinte che il riscaldamento globale che stiamo vivendo non abbia alcuna relazione con l’attività umana, ma che sia soltanto una conseguenza di cicli naturali che si sono già ripresentati molte volte in passato. Nelle ere geologiche – questo è vero – ci sono state numerose variazioni del clima a livello globale, con picchi di temperature ben più alti di quelli di cui si parla oggi. In questo video cercheremo di capire cosa ci dicono i dati, quali sono i record geologici a nostra disposizione e vedremo perché la variabilità climatica di oggi segue dei ritmi profondamente diversi rispetto a quelli del passato geologico.

Partiamo col dire che la Terra ha circa 4 miliardi e mezzo di anni circa e le informazioni sui cambiamenti climatici sono limitate all'ultimo mezzo miliardo di anni. Di questi dati, dobbiamo considerare che le informazioni più sono recenti (ultimi centinaia/decine di migliaia di anni) e più sono attendibili. Quello che si è visto è che tutti i dati geologici e paleoclimatici mostrano chiaramente come i cambiamenti del clima in passato abbiano scale temporali dell’ordine delle decine-centinaia di migliaia di anni o di milioni di anni. Il riscaldamento globale attuale sta variando alla scala dei decenni o al massimo dei secoli. Parliamo di due scale temporali molto diverse: la scala temporale geologica e la scala temporale umana.

L’aumento recente della temperatura globale è in primis correlato alla rapida crescita nelle emissioni di gas serra legate all’utilizzo di combustibili fossili e alle attività umane in generale. A tal proposito vi proponiamo un video in cui riassumiamo l’ultimo rapporto IPCC 2021.

Articolo a cura di
Redazione