lumaca gigante africana

In questi giorni da oltreoceano arriva una notizia curiosa e allo stesso tempo allarmante: la località Port Richey nella contea di Pasco in Florida è invasa da lumache giganti africane. L'area, per prassi, dovrà restare in "quarantena" per i prossimi tre anni mentre ha già attivato un programma di eradicazione degli esemplari liberi a partire dal 29 giugno 2022.
La specie, oltre ad essere infestante, è portatrice di un pericoloso parassita che può potenzialmente essere trasmesso (qualora ingerito) anche agli uomini, causando una patologia nota come meningite eosinofila.
Ma che animali sono esattamente e come sono arrivati in Florida? Per quale motivo si riproducono velocemente e quali azioni sono previste per debellarle?

Che animale è la chiocciola gigante africana?

La lumaca gigante africana – che sarebbe bene chiamare chiocciola più che lumaca – appartiene alla specie Achatina (Lissachatina) fulica, è originaria dell'Africa ed è ormai comune in tutto il sud-est asiatico e nelle isole Hawaii. È considerata una tra le 100 specie più invasive al mondo secondo l'IUCN e l'ISSG.
Le chiocciole giganti africane sono conosciute per essere dei "simpatici animali da compagnia" che spesso vengono comprati illegalmente o nei negozi di animali col fine di riporle in una teca all'interno di qualche appartamento. Non serve neanche dire che questi animali "ornamentali", sebbene vengano considerati innocui, sono e resteranno sempre delle creature selvatiche che dovrebbero vivere nel loro ambiente naturale.
Anche se la situazione si sta verificando oltreoceano, non vuol dire che la cosa non ci riguardi da vicino: il problema delle specie aliene intacca la biodiversità globale.

I motivi della recente invasione e di quelle passate

La presenza della chiocciola gigante in Florida non è una novità: il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti dichiara che le chiocciole giganti fossero presenti nel Sud della Florida già a partire dagli anni '60, periodo durante il quale sono stati ritrovati i primi esemplari abbandonati in natura. Ci vollero ben 10 anni e oltre un milione di dollari per eliminarle dall'area, ma probabilmente qualcuna si salvò: nel 2011 venne identificata un'altra popolazione invasiva a Miami – Dade. Dai dati ufficiali del Dipartimento dell'agricoltura e dei servizi ai consumatori della Florida, pare che gli esemplari siano stati completamente sradicati nel 2021 ma, che sia vero oppure no, la situazione oggi si ripete nuovamente.
Le cause dell'invasione? L'introduzione della specie in America è verosimilmente causata dalla liberazione di esemplari tenuti in cattività da parte di privati.

Credit: Marshman at English Wikipedia / Eric Guinther, CC 3.0 Unreported
in foto: Credit: Marshman at English Wikipedia / Eric Guinther, CC 3.0 Unreported

Perché l'invasione delle lumache giganti è un problema

Prendere un animale e trasferirlo con noncuranza in un nuovo habitat può avere effetti a catena deleteri per la salute umana, degli esseri viventi e degli ecosistemi in senso lato. Queste chiocciole sono da considerarsi specie aliene o alloctone, per le quali valgono – da Paese a Paese – specifiche direttive di gestione, controllo ed eradicazione. Ed è proprio questo che si sta cercando di fare in Florida: il Dipartimento dell'agricoltura e dei servizi ai consumatori della Florida ha indetto un periodo di "quarantena" di almeno 3 anni nelle località colpite e favorirà l'uso controllato di pesticidi contenenti metaldeide, atti all'eradicazione della specie invasiva nell'intera contea. La metaldeide agisce interrompendo la capacità di produzione di muco di chiocciole e lumache. Ciò riduce la loro digestione e mobilità e le rende suscettibili alla disidratazione. Le chiocciole che ingeriscono la metaldeide spesso cercano nascondigli, diventano inattive e iniziano a morire in pochi giorni.
Sono pericolose? E in che modo? Che potenziali effetti possono causare se introdotti in un nuovo ambiente?

Problema 1: hanno grosse dimensioni

Questa specie può raggiungere i 20 cm di lunghezza, l'equivalente della stazza media di un ratto comune. Sono particolarmente visibili e attirano la curiosità di bambini e animali domestici che possono entrare in contatto diretto con il parassita. L'infezione avviene generalmente per ingestione di esemplari crudi o cotti o di ortaggi mal lavati su cui sono deposte le uova.

Problema 2: sono voracissime

La chiocciola di terra africana è una delle "lumache" più dannose al mondo e consuma almeno 500 diversi tipi di piante e in grandi quantità. In alcuni casi sono stati citate ingestioni di polistirolo, cemento e materiali plastici. Questi animali potrebbero essere devastanti per l'agricoltura e le aree naturali della Florida poiché causano ingenti danni agli ambienti tropicali e subtropicali nonché alle aree private e antropizzate.

lumaga africana 2

Problema 3: si riproducono velocemente

Un singolo esemplare di chiocciola gigante può produrre in un anno fino a 2.500 uova. Se si considera che questi animali sono in grado in alcuni casi di riprodursi senza un partner, il successo dell'infestazione aumenta considerevolmente.

Problema 4: non hanno predatori naturali

Essendo state importate, come gran parte delle specie alloctone, anche le chiocciole giganti sono prive di predatori naturali nelle aree di introduzione. Ciò le renderebbe particolarmente forti e competitive rispetto alle altre specie autoctone.

Problema 5: trasmettono malattie

Come già anticipato, le chiocciole rappresentano anche un grave rischio per la salute dell'uomo poiché trasportano il parassita polmonare del ratto, noto per causare la meningite negli esseri umani. La specie, il cui nome scientifico è Angiostrongylus cantonensis, colpisce sia ratti che chiocciole, che sfrutta come vettori per la riproduzione e lo sviluppo delle larve.

Articolo a cura di
Nicole Pillepich