30 Gennaio 2024
9:00

Il minerale più raro al mondo di cui si conosce una sola gemma: la kyawthuite

Il minerale più raro al mondo, la kyawthuite, è stato scoperto quasi per caso nel distretto minerario di Mogok, in Myanmar, nel 2010. È composto da bismuto, antimonio e ossigeno.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
564 condivisioni
Il minerale più raro al mondo di cui si conosce una sola gemma: la kyawthuite
kyawthuite minerale piu raro

Il minerale kyawthuite è un materiale tanto raro quanto enigmatico. Dal momento della sua scoperta, avvenuta in Myanmar nel 2010, è stata ufficialmente riconosciuta soltanto una singola gemma naturale, rendendolo il minerale più raro al mondo. La sua origine e il processo di formazione rimangono ancora in gran parte sconosciuti.

La scoperta del minerale più raro al mondo

L’Associazione Mineralogica Internazionale (International Mineralogical Association, IMA) ha riconosciuto l’esistenza di quasi 6000 minerali sulla Terra. Di questi, solo una piccolissima frazione, meno di 100 tipi diversi, costituisce più del 99% del volume della crosta terrestre. Al contrario, oltre 2500 dei minerali riconosciuti dall’IMA sono considerati rari, ossia sono stati individuati in meno di cinque località in tutto il globo. Il più raro tra questi è il minerale kyawthuite, del quale, a oggi, si conosce solo una gemma.

Immagine

La kyawthuite è stata scoperta, quasi per caso, da Kyaw Thu, geologo e minerologo dell’Università di Yangon, a cui il minerale deve il suo nome. Nel gennaio 2010, durante una visita nell’area di Chaung-gyi a nord della città di Mogok, una regione nel Myanmar famosa per l'abbondanza di gemme rare e minerali preziosi estratti sin da metà 1900 dalle sue oltre 1200 attività estrattive private registrate, il Dr. Kyaw Thu acquistò una gemma grezza di colore arancione da un minatore, pensando si trattasse di un cristallo di scheelite, un minerale a base di tungsteno e calcio.

Tuttavia, dopo aver pulito e sfaccettato il cristallo, non riuscì a identificarlo e decise quindi di sottoporlo ad analisi chimiche e mineralogiche dettagliate presso l‘Istituto Gemmologico Americano. Anche queste analisi risultarono inconcludenti, rivelando che la gemma non corrispondeva a nessuno dei minerali conosciuti nei database internazionali. Così, nel 2015, la gemma di kyawthuite fu ufficialmente riconosciuta come un nuovo minerale dall’IMA e oggi è conservata al Museo di Storia Naturale di Los Angeles.

Aspetto e proprietà della gemma

L'unica gemma di kyawthuite finora scoperta ha un colore arancione scuro con sfumature rossastre, è trasparente e lucente. Il cristallo ha dimensioni relativamente piccole, misurando 5,80 mm in lunghezza, 4,58 mm in larghezza e 3,00 mm in spessore, e pesa 1,61 carati, o circa 0,3 grammi. La sua densità è di 8,256 g/cm³, circa 8 volte quella dell’acqua. La gemma è anche fragile e, sul piano della durezza, ha un valore poco superiore a 5 nella scala di Mohs, il che implica che può essere scalfita dalla lama di un coltello.

L'origine del minerale più raro al mondo

Sfortunatamente, non vi sono informazioni a sufficienza per ricostruire in modo dettagliato l'origine di questo minerale. L’ipotesi principale sulla sua formazione si basa sulla sua composizione chimica. Il minerale kyawthuite è costituito principalmente da bismuto (Bi), antimonio (Sb) e ossigeno (O), con formula chimica Bi3Sb5O4. Sono presenti anche, seppur in concentrazioni molto basse, elementi non comuni come il tantalio, il titanio, il niobio, il tungsteno e l'uranio. Il composto non era stato mai identificato in natura prima di questa scoperta. Tuttavia, è conosciuto come una fase sintetica usata nella produzione di ceramiche e come catalizzatore, dove si forma a temperature molto alte, superiori ai 450°C. Di conseguenza, ance il minerale naturale potrebbe formarsi da un fluido alle stesse elevate temperature, come ad esempio un magma.

Immagine
Smeraldo verde con tipici cristalli prismatici esagonali in una pegmatite del Brasile. Credits: Wikimedia Commons. Credits: Madereugeneandrew, CC BY–SA 4.0, via Wikimedia Commons.

Gli esperti ritengono che il minerale kyawthuite derivi da pegmatiti, cioè rocce ignee formatesi dal lento raffreddamento di magmi molto viscosi e ricchi in acqua e altri componenti volatili. Le pegmatiti si formano nelle ultime fasi di evoluzione dei magmi e solitamente contengono minerali rari formati da elementi chimici poco comuni, inclusi terre rare e litio. Le pegmatiti, insieme ad altre rocce ignee, sono presenti nelle aree vicine al sito di ritrovamento della kyawthuite.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views