0 risultati

Razzo cinese decolla per errore ed esplode: cos’è successo, il video del Tianlong-3

Il 30 giugno 2024 alle 9:34 italiane il primo stadio del razzo Tianlog-3 stava effettuando un test statico di accensione dei motori nei pressi della città di Gongyi, in Cina, ma il sistema che teneva ancorato il razzo a terra è ceduto e lo stadio è decollato: 50 secondi dopo si è schiantato a terra esplodendo.

1 Luglio 2024
17:38
51 condivisioni
Razzo cinese decolla per errore ed esplode: cos’è successo, il video del Tianlong-3
esplosione razzo cinese

Una scena che non si vede certo tutti i giorni: domenica 30 giugno 2024, alle 9:34 (ora italiana) in una zona disabitata nei pressi della città di Gongyi, nella provincia di Hénán nella Cina centro-orientale, il primo stadio del razzo Tianlong-3 dell'azienda privata Space Pioneer si stacca da terra per errore, sale per svariate decine di metri e dopo 50 secondi si schianta a terra ed esplode violentemente a circa 1,5 km dal pad del test. I video dell'incidente sono stati diffusi sui social dai testimoni presenti sulla zona, e mostrano il razzo sollevarsi per decine di metri per poi ricadere ed esplodere a poca distanza. Non sono state rilasciate informazioni sulle conseguenze dell'incidente, ma fortunatamente non si segnalano vittime o feriti.

Cos'è successo al razzo cinese esploso per errore

L'azienda spaziale cinese Space Pioneer stava effettuando uno static fire del primo stadio del razzo Tianlong-3, un razzo in via di sviluppo che non aveva mai volato prima e che si pone come analogo del razzo Falcon 9 di SpaceX usato per il trasporto di carico in orbita, compresa la capacità del primo stadio di atterrare in maniera autonoma dopo il lancio per essere riutilizzato.

Uno static fire è un test che consiste nel verificare il corretto funzionamento dei motori accendendoli senza però che si abbia il decollo del razzo. Per evitare il lancio i motori possono rimanere accesi per un tempo molto breve (solitamente qualche secondo) oppure non vengono spinti al massimo della loro potenza. Nel caso del razzo cinese esploso il 30 giugno, la spinta era comunque sufficiente a far sollevare la struttura, perché il test era solo sul primo stadio e dunque non c'era la massa del secondo stadio.

Per questo motivo il primo stadio del razzo era assicurato a terra da un sistema di morse, ma questo sistema ha ceduto facendo sì che il razzo fosse libero di sollevarsi da terra. Il decollo quindi non è stato intenzionale e di conseguenza la traiettoria che ne è seguita è stata incontrollata. Fortunatamente il test è avvenuto in una zona lontana dai centri abitati.

Le ripercussioni per il settore spaziale cinese

Proprio in questi giorni la Cina è reduce dal grande successo della missione Chang'e 6, che recentemente ha portato sulla Terra i primi campioni del lato nascosto della Luna. L'incidente di Tianlong-3 però non passerà inosservato, soprattutto per un'azienda privata come Space Pioneer, che ha già ricevuto oltre mezzo miliardo di dollari di finanziamenti per rendere operativo il razzo entro la fine di quest'anno. È verosimile che questo incidente porti non solo a ritardi nello sviluppo del razzo, che è importante per dare alla Cina un “rivale” dei razzi orbitali riutilizzabili di SpaceX, ma anche impatti l'intero settore dell'economia spaziale del Paese asiatico.

Avatar utente
Filippo Bonaventura
Content editor coordinator
Ho una laurea in Astrofisica e un Master in Comunicazione della Scienza allla SISSA di Trieste. La prima mi è servita per imparare come funziona ciò che ci circonda, la seconda per saperlo raccontare. Che poi sono due cose delle tre che amo di più al mondo. Del resto, a cosa serve sapere qualcosa se non la condividi con qualcuno? La divulgazione per me è questo: guidare nel viaggio della curiosità e del mistero. Ah, la terza cosa è il pianoforte e la musica in ogni sua forma.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views