23 Ottobre 2023
15:42

Chi ha inventato il primo spazzolino da denti? Storia e sviluppo dell’«invenzione numero uno»

Lo spazzolino da denti esiste dalla preisotoria. Nel tempo ha cambiato più volte forma e materiali. Ne ricostruiamo la storia e l'evoluzione dall'antichità ai moderni spazzolini elettrici.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
295 condivisioni
Chi ha inventato il primo spazzolino da denti? Storia e sviluppo dell’«invenzione numero uno»
Immagine

Lo spazzolino da denti è uno strumento tanto umile quanto indispensabile. Nel gennaio 2003 gli americani lo hanno scelto come «invenzione numero uno» (MIT, 2003), mettendolo in classifica prima dell'automobile, del PC e perfino del cellulare. A quanto pare è quell'oggetto «senza il quale non sapremmo vivere». E infatti non abbiamo mai vissuto senza: è uno strumento che esiste da migliaia di anni, anche se anticamente appariva diverso da quelli moderni.

In questo articolo vi raccontiamo l'evoluzione dello spazzolino come lo conosciamo noi, ma in realtà non esiste una sola storia, perché le abitudini igieniche di un popolo dipendono da tanti fattori. Per esempio, in Kenya la comunità dei Masai utilizza ancora oggi uno spazzolino naturale ricavato da un bastoncino. In questo modo si sfrutta solo l'azione meccanica delle setole, a causa della fortissima siccità che interessa il territorio.

Lo spazzolino da denti nell'antichità

Lo scopo dello spazzolino è rimuovere la placca dai denti in maniera meccanica. Ebbene, uno strumento del genere esisteva anche 5000 anni fa. Alcuni spazzolini antichi sono stati trovati perfino nelle tombe degli antichi Egizi, dove si usava anche una rudimentale pasta dentifricia.

Nell'antichità, per realizzare le setole dello spazzolino si usavano piume di uccelli o peli di maiale (che si usano ancora oggi per produrre alcune spazzole). Allo stesso modo si potevano usare ossa e aculei degli animali come supporto per le setole.
In Cina invece è documentato l'uso di bastoncini da masticare, fin dal 1600 a.C. I ramoscelli venivano masticati fino a sfilacciarne la parte finale, per ottenere le setole. L'utilizzo dei rami dava anche un altro aspetto all'igiene orale: lasciava l'aroma in bocca – un po' come facciamo noi con le radici di liquirizia – e poteva avere proprietà antibatteriche se si sceglieva la pianta giusta.
Gli usi dei bastoncini sono documentati in diverse zone dell'Oriente. Nella cultura araba lo strumento che si ricava dai ramoscelli è chiamato siwak, e viene tutt'ora utilizzato.

Immagine

Il primo spazzolino da denti moderno

Mentre questo succedeva in Oriente, in Europa non abbiamo notizie di spazzolini con setole fino al Seicento. L'idea dello spazzolino come lo conosciamo oggi parte dalla Francia e si diffonde in Inghilterra. La sua forma inizia a nascere con la rivoluzione industriale, momento ideale per sviluppare qualsiasi invenzione.

L'invenzione dello spazzolino è generalmente attribuita a William Addis nel 1780. Il manico era fatto di osso, con dei fori che permettevano di inserire le setole di maiale, tenute in posizione da un filamento metallico. L'invenzione fu venduta come "the first modern toothbrush", il primo spazzolino moderno.

Per il primo brevetto vero e proprio dobbiamo spostarci negli Stati Uniti del 1885, quando H.N. Wadsworth brevettò lo spazzolino americano. Il manico era sempre in osso e nei fori erano inseriti dei peli di cinghiale siberiano che servivano da setole.
Come possiamo immaginare c'erano dei problemi nell'utilizzo delle setole animali per lo spazzolino. I peli di maiale o di cinghiale, se non asciugati, trattenevano i batteri. Ecco perché l'invenzione della plastica è stata una svolta per l'igiene orale.

Immagine
Toothbrush with horsehair bristles, London, England, 1870–19. Science Museum, London. Attribution 4.0 International (CC BY 4.0). Source: Wellcome Collection.

La produzione di massa

Lo spazzolino da denti si è veramente diffuso solo con la Seconda Guerra Mondiale. I soldati dovevano lavarsi i denti la mattina e mantennero questa pratica anche dopo la guerra.
Le setole naturali sono state sostituite piano piano dalle setole in fibre sintetiche, precisamente in nylon, introdotto nel settore dell'igiene orale nel 1938. Questa sostituzione ha migliorato molto la proliferazione dei batteri nelle setole e ne ha permesso una produzione in qualsiasi dimensione e quantità.

Immagine
Uno spazzolino con setole di nylon.

Agli inizi del Novecento, anche la celluloide cominciò a sostituire il manico in osso, un cambiamento accelerato dall'esperienza della Prima guerra mondiale, periodo in cui le ossa e le setole di maiale scarseggiavano per i blocchi commerciali tra diversi stati rivali. Dagli anni '50 in poi lo spazzolino iniziò a diventare sempre più colorato e con il manico sempre più ergonomico, con inserti in gomma e così via.

Immagine
Stampi per processo di stampaggio a iniezione dello spazzolino da denti.

Se la forma è rimasta molto simile, il metodo di produzione è migliorato.
Oggi il corpo è solitamente realizzato con processo di stampaggio a iniezione della plastica. Il polimero viene sciolto e spinto sotto pressione all'interno di uno stampo, dove solidifica e ne assume la forma. Lo spazzolino viene stampato già con i buchi. Nei buchi vengono poi inserite le setole piegate automaticamente, fermate al loro posto, e poi tagliate.

Lo spazzolino elettrico

Risale invece all'inizio degli anni '60 l'invenzione dello spazzolino elettrico. All'inizio questo strumento era abbastanza ingombrante e un po' diverso da quelli che siamo abituati a vedere oggi. Per un po' di tempo si è provato a commercializzare gli spazzolini elettrici con batteria usa e getta: quando si esauriva, non si poteva ricaricare. Dopo il trend dell'usa e getta si è pian piano passati allo spazzolino collegato alla corrente elettrica fino ad arrivare alle testine intercambiabili.

Immagine
Spazzolino da denti elettrico, su brevetto del 1937. Credits: Gazebo.

Da allora sono state inventate tante testine diverse che si muovono in specifica, con lo scopo di garantire un igiene orale migliore possibile. Oggi esistono perfino gli spazzolini smart che possono avere un timer per farci capire quanto tempo dobbiamo ancora spazzolare, oppure degli schermi LCD che ci informano sulla carica della batteria.

Fonti
MIT. Toothbrush beats out car and computer as the invention Americans can't live without, according to Lemelson-MIT Survey. 21 Gennaio 2003
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?