actinia equina

I pomodori di mare sono quegli organismi che se ne stanno incollati su rocce e scogliere che hanno, per l'appunto, l'aspetto di un pomodoro rosso. Anche se ad occhio inesperto possono apparire come delle "palline" gelatinose dall'aspetto poco invitante, una volta sommerse sono in grado di trasformarsi e prendere la forma di un fiore. Scopriamo cosa sono esattamente i pomodori di mare, come sono fatti, che stile di vita hanno e se sono pericolosi per l'uomo.

Che animale è l'Actinia equina e dove vive

Il pomodoro di mare, il cui nome scientifico è Actinia equina, è uno cnidario antozoo, un anemone di mare. E una specie cosmopolita che vive comunemente nella zona intertidale (quella compresa tra i livelli di alta e bassa marea) fino ad un massimo di 20 m circa. In molti la conosceranno proprio perché l'hanno già visto dal vivo al mare o negli acquari per scopo decorativo.
Il suo aspetto da sommerso è simile ad un fiore, formato da tanti tentacoli che si flettono verso l'esterno a formare una sorta di corolla. Quando però esce fuori dall'acqua i tentacoli si richiudono su sé stessi facendo apparire l'animale come una pallina gelatinosa di colore rossastro, simile per l'appunto ad un pomodoro. Da qui il suo nome!

Pomodoro di mare chiuso su sé stesso (Actinia equina). Credit: O. Nevestveit (CC BY–SA 4.0)
in foto: Pomodoro di mare chiuso su sé stesso (Actinia equina). Credit: O. Nevestveit (CC BY–SA 4.0)

Questo animale è in grado si spostarsi lungo il fondale, seppur di poco e lentamente, grazie al proprio disco pedale, quella porzione che aderisce al suolo rigido come una sorta di ventosa.
Una delle sue peculiarità è la resistenza agli sbalzi di temperatura e idratazione che lo rendono un animale facilmente adattabile: si trova a dover sperimentare regolarmente il forte irraggiamento e la mancanza d'acqua dovuta al movimento delle onde onde e alle basse maree.

Come si riproduce il pomodoro di mare

Se poi andiamo a vedere il suo ciclo di vita scopriamo che la comunità scientifica non è ancora concorde su quali siano le modalità con cui questa specie si riproduca. Si continua a discutere se il pomodoro di mare vada incontro esclusivamente a riproduzione asessuata o se possa riprodursi anche sessualmente. Al momento pare si divida formando dei nuovi mini-anemoni, ma serviranno nuove ricerche per saperne di più (Wilding, Craig S., et al., 2020).

Di cosa si nutre Actinia equina

Il pomodoro di mare è una specie carnivora che si nutre di piccoli pesci, crostacei e molluschi presenti nell'acqua che caccia grazie ai suoi tentacoli urticanti. L'avreste mai detto che questa pallina dall'aspetto innocuo sia in realtà un cacciatore? Come molti altri cnidari, infatti, il pomodoro di mare produce una sostanza urticante che paralizza le prede. Attenzione quindi a toccarne uno con noncuranza: provoca leggere ustioni anche a noi umani.

Pomodoro di mare (Actinia equina). Credit: Attrattorestrano at Italian Wikipedia (CC BY–SA 3.0)
in foto: Pomodoro di mare (Actinia equina). Credit: Attrattorestrano at Italian Wikipedia (CC BY–SA 3.0)

Si possono mangiare i pomodori di mare?

Anche se non è un piatto comune, il pomodoro di mare viene utilizzato anche in cucina come ingrediente principale o come contorno, similmente a quanto accade per un altro animale marino dall'aspetto particolare: il cetriolo di mare. Opportunamente lavata e trattata questa specie di attinia si può saltare con le verdure, friggere in olio bollente o gustare cotta per condire gli spaghetti! Attenzione però alle specie criptiche: è probabile che esistano altre popolazioni di animali etichettati erroneamente come A. equina a causa della loro somiglianza con la specie. Se non siete esperti, attenti a cosa vi mettete nel piatto!

Articolo a cura di
Nicole Pillepich