vista della città dalla finestra

Oltre il 90% della popolazione mondiale respira livelli pericolosamente elevati di inquinamento atmosferico. A causa della sua gravità, l'inquinamento dell'aria costituisce il più grande rischio per la salute ambientale del mondo, contribuendo a ben 7 milioni di morti premature a livello globale all'anno (OMS). I dati su cui ci siamo basati per stilare la classifica sono tratti dal Report IQAir 2020, quindi introduciamo velocemente l'argomento per poi passare subito alla lista delle capitali più "pulite" del 2020.

Il Report IQAir 2020

Sentiamo sempre parlare delle città e dei paesi più inquinati, ma noi andiamo controcorrente: in questo articolo stiliamo una classifica delle capitali meno inquinate al mondo nel 2020. I dati globali di inquinamento dell'aria sono stati analizzati e resi disponibili dall'azienda IQAir, un'organizzazione che sviluppa tecnologie per aiutare a proteggere le persone dall'inquinamento atmosferico.
Nel Report 2020, sono stati aggregati i dati dei valori medi annuali della concentrazione del PM2.5 provenienti da 106 Paesi raccolti da stazioni a terra (certificate) creando un grande database mondiale sull'inquinamento atmosferico.

Mappa globale PM2.5
in foto: Mappa globale dell’esposizione al PM2.5 per città nel 2020 (Fonte IQAir)

Questi dati sono ottenuti per il 66% da monitoraggi governativi e comprendono quelli storici dell'Agenzia Europea dell'Ambiente (AEA).

Perché PM 2.5?

Il PM o particolato atmosferico (particulate matter) si divide in più categorie sulla base del diametro delle particelle. Tra queste, il particolato con diametro uguale o inferiore a 2.5 è considerato il più dannoso per la salute umana. Questa dimensione microscopica consente alle particelle di essere assorbite in profondità nel flusso sanguigno dopo l'inalazione causando asma, cancro ai polmoni, malattie cardiache e mortalità prematura. Le fonti antropiche di PM 2.5 più comuni includono combustibili fossili, produzione di energia, attività industriali, agricoltura e combustione di biomasse.

Effetti PM2,5 salute

La classifica delle città meno inquinate

Ecco la lista che stavate aspettando: sono state inserite le capitali in ordine decrescente, partendo da quella più inquinata delle dieci. Le concentrazioni medie annuali di PM 2.5 di ogni città sono calcolate in µg/m³ (microgrammi su metro cubo d'aria filtrata).

10 – Quito, Ecuador (7.6 µg/m³)

Quito, capitale dell'Ecuador, si colloca al decimo posto della classifica. La città si trova ai piedi delle Ande, a pochi chilometri dallo stratovulcano Pichincha, ed è costruita su un'antica città Inca.

Quito

9 – Washington D.C., USA (7.4 µg/m³)

Washington District of Columbia (abbreviato in D.C.) è la capitale degli Stati Uniti, nonché nona in classifica. La città è sede della Casa Bianca e del Campidoglio degli Stati Uniti.

Washington DC

8 – Ottawa, Canada (7.3 µg/m³)

All'ottavo posto troviamo Ottawa, capitale del Canada, situata a pochi chilometri dal confine con gli Stati Uniti. La città è ricca di spazi verdi: gestisce e mantiene circa 4.300 ettari di parco in oltre 1.300 siti.

Ottawa

7 – Reykjavik, Islanda (7.2 µg/m³)

Reykjavik si trova al settimo posto ed è la capitale e principale città d'Islanda. Il suo nome in islandese vuol dire "baia fumosa" ed è stato scelto per la presenza di fenomeni geotermali nei dintorni della città.

Reykjavík

6 – Oslo, Norvegia (6.4 µg/m³)

Al sesto posto troviamo Oslo, capitale della Norvegia nonché vincitrice del Premio Capitale verde europea 2019.

Oslo

5 – Tallinn, Estonia (6.2 µg/m³)

La capitale dell'Estonia, Tallinn, si aggiudica il quinto posto in classifica. Il suo antico centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1997.

Tallinn

4 – Wellington, Nuova Zelanda (6.0 µg/m³)

La capitale della Nuova Zelanda, Wellington, si trova in quarta posizione ed è la capitale più a sud del mondo.

Wellington

3 – Helsinki, Finlandia (5.2 µg/m³)

Helsinki, capitale della Finlandia, si colloca al terzo posto in classifica con la medaglia di bronzo. La città è la capitale più settentrionale tra gli stati membri dell'UE.

Helsinki

2 – Stoccolma, Svezia (5.1 µg/m³)

Stoccolma, conosciuta come "la Venezia del Nord" e capitale della Svezia, vince la medaglia d'argento collocandosi al secondo posto in classifica. La città si sviluppa su più isole all'incrocio tra il Mar Baltico e il lago Mälaren.

Stoccolma

1 – Charlotte Amalie, Isole Vergini americane (3.8 µg/m³)

A vincere la medaglia d'oro è Charlotte Amalie, capitale delle Isole Vergini americane. La città si estende sull'isola di Saint Thomas, circondata da oltre una sessantina di isole e isolotti.

Charlotte Amalie

P.S. Speravate di trovare Roma, eh? Purtroppo no, Roma si trova appena al trentatreesimo posto, con una concentrazione media annuale di 13.6 µg/m³. Neanche i milanesi se la passano bene: la concentrazione media di PM 2.5 per Milano è stata di 28.4 µg/m³ nel 2020. Per le grandi città è disponibile una classifica interattiva con le concentrazioni in tempo reale.

Articolo a cura di
Nicole Pillepich