27 Gennaio 2024
13:00

Com’è fatta la racchetta da tennis di Sinner? Analisi tecnica dei materiali e della tecnologia

Fibre di carbonio all'interno di una matrice di resina epossidica migliorano le proprietà meccaniche del telaio della racchetta di Sinner. Vediamo quali sono gli aspetti tecnici e la tecnologia dietro il modello HEAD SPEED MP.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
949 condivisioni
Com’è fatta la racchetta da tennis di Sinner? Analisi tecnica dei materiali e della tecnologia
Materiali e tecnologia della racchetta da tennis di Jannik Sinner

Sembra banale dirlo, ma la scelta della racchetta da tennis gioca un ruolo fondamentale nel determinare le prestazioni di un giocatore, soprattutto agli alti livelli. I materiali, la leggerezza e la tecnologia alle spalle di una racchetta, infatti, influiscono sulla sua manovrabilità e maneggevolezza. In questo articolo, esamineremo in dettaglio la racchetta da tennis utilizzata da Jannik Sinner, focalizzandoci sulla sui materiali, sulla forma e sulla tecnologia che ci sta dietro.

Descrizione generale del modello

Il modello di racchetta da tennis utilizzato da Jannik Sinner è la HEAD SPEED MP. Sul sito ufficiale della HEAD si può acquistare per un prezzo di 290 €. 

La HEAD SPEED MP presenta una forma classica a forma di testa ovale, un design che si è dimostrato popolare tra i giocatori professionisti per la sua versatilità. La testa della racchetta ha una dimensione media, che consente un mix equilibrato di potenza e controllo durante il gioco.

Questa racchetta ha un peso di 300 g, lo schema dell'incordatura è di 16/19, mentre l'area di testa è di 645 cm2. La lunghezza della racchetta di Sinner è di 68,5 cm mentre lo spessore (chiamato anche profilo) è di 23 mm.

Il bilanciamento del telaio

Uno dei parametri cruciali delle racchette da tennis è il bilanciamento del telaio, chiamato anche balance. In pratica è un valore numerico che indica la distanza dal tappo della racchetta (la base per intenderci) alla quale si trova il centro di massa, ovvero il punto in cui la racchetta rimarrebbe in equilibrio in sospensione su un asse trasversale.

Il bilanciamento del telaio della racchetta di Sinner è a 320 mm, quindi può essere definito un bilanciamento al cuore. Se fosse stato maggiore di 330 mm si sarebbe chiamato bilanciamento in testa, se fosse stato minore di 315 mm invece bilanciamento al manico.

All'aumentare del bilanciamento del telaio, mantenendo costante il peso totale della racchetta, il giocatore percepirà una sensazione di peso più accentuata (pick-up weight). Questo è il motivo per cui, all'aumentare del peso complessivo della racchetta, si tende naturalmente a spostare il centro di massa del telaio verso il manico; questa scelta è finalizzata a preservare la maneggevolezza e manovrabilità della racchetta, evitando che il peso eccessivo alla presa possa limitarne l'usabilità.

I materiali del telaio della racchetta di Sinner

Il telaio della racchetta di Sinner è formata da un materiale auxetico: a differenza dei materiali convenzionali, se si allunga questa particolare tipologia di materiale nella direzione longitudinale, diventano più "spessi" in una o più direzioni perpendicolari nel senso della larghezza (si allargano). Quando invece sono sottoposti a compressione, mostrano un “assottigliamento” in una o più direzioni trasversali. Ad ogni modo si tratta probabilmente di una resina epossidica.

Materiale auxetico
Differenza nelle deformazioni tra un materiale convenzionale e uno auxetico, come quello che compone il telaio della racchetta di Sinner. Credit: Niklasolai, CC BY–SA 4.0, via Wikimedia Commons

Come riportato anche nel sito di Head: "Le costruzioni Auxetic mostrano una deformazione unica […]. A causa delle loro proprietà interne, le costruzioni Auxetic si allargano quando viene applicata una forza di "trazione" e si contraggono quando vengono compresse. Maggiore è la forza applicata, maggiore è la reazione di Auxetic."

Il telaio, inoltre, oltre ad essere formato da questa tipologia di materiale (resina epossidica), HEAD dichiara che contiene anche una percentuale di grafene per migliorare le proprietà meccaniche del telaio.

Uno studio pubblicato su Jounal of Material Science, ha stato dimostrato che i principali componenti strutturali del telaio della racchetta HEAD sono sono fibre di carbonio ad alta resistenza in una matrice di resina epossidica. Le nanoparticelle a base di grafene sono utilizzate per rinforzare le regioni ricche di resina nel telaio della racchetta, dove il manico si unisce alla testa della racchetta. Si dimostra inoltre che le nanoparticelle impiegate nella racchetta sono molto probabilmente nanopiastrine di grafite (graphite nanoplatelets) che sono state aggiunte per migliorare le proprietà meccaniche della racchetta.

Sono un appassionato del mondo microscopico, a partire dalle molecole fino agli artropodi. La laurea magistrale in chimica mi ha permesso di avere gli strumenti necessari per comprendere il funzionamento del mondo, ma soprattutto ha saziato la mia fame di risposte. Curioso, creativo e con idee folli: date una videocamera, un drone o una chitarra al DeNa e lo renderete felice.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views