1 Gennaio 2024
13:59

Forte terremoto di magnitudo 7.5 in Giappone, con edifici crollati, incendi e allerta tsunami

Il 1° gennaio 2024 un terremoto di magnitudo 7.6 ha colpito la prefettura di Ishikawa in Giappone. Crollati svariati edifici, con 6 persone sotto le macerie. L'allerta tsunami è ridotta, anche se ancora attiva.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
1.414 condivisioni
Forte terremoto di magnitudo 7.5 in Giappone, con edifici crollati, incendi e allerta tsunami
Immagine

Il 1° gennaio 2024 alle ore 16:10 locali (8:10 italiane) un violento terremoto di magnitudo 7.6 (stimata l'agenzia meteorologica giapponese) ha colpito la costa occidentale del Giappone, con epicentro nella penisola di Noto (prefettura di Ishikawa), nell'isola di Honshu, la maggiore della Nazione. La profondità dell'ipocentro è stata stimata a 15,5 km. È il sisma più forte registrato in questa prefettura del Paese da quando esistono le rilevazioni (1885) e il primo con magnitudo maggiore di 7.0.

I danni finora contano diversi edifici e pali elettrici crollati nella prefettura di Ishikawa (oltre 30 edifici crollati nella città di Wajima, 500 km a ovest della capitale Tokyo). Sei persone sarebbero intrappolate sotto le macerie: le loro condizioni non sono al momento note. Sarebbero oltre 33.000 le abitazioni senza elettricità, di cui oltre 10.000 a Wajima. In questa città si sono registrati inoltre incendi diffusi. Fortunatamente le centrali nucleari nella zona non hanno riportato nessun danno né alcun rischio.

Al violento terremoto è preceduta una scossa di magnitudo 5.7 alle 16:06 locali ed è seguita una sequenza sismica che ha fatto registrare decine di scosse nelle ore successive, con magnitudo fino a 6.2 (alle 16:18 locali).

Immagine
Epicentri della sequenza sismica. Credits: Japan Meteorological Agency.

Subito dopo la scossa l'agenzia meteorologica giapponese ha diramato un'allerta tsunami su 300 km di costa nel Mar del Giappone attorno all'epicentro del terremoto, con possibilità di onde alte fino a 3 metri in 6 prefetture del Paese. Secondo le autorità giapponesi, si tratta della prima allerta tsunami significativa dal disastro di Fukushima dell'11 marzo 2011.

Immagine
L’avviso di allerta tsunami diffuso nelle televisioni giapponesi. Credits: NHK.

Effettivamente si è registrato uno tsunami con onde alte fino a 120 cm nella città di Wajima. Secondo il Centro di allerta tsunami nel Pacifico, l'allarme per possibili tsunami appare al momento scongiurato. Permangono tuttavia gli ordini di evacuazioni nelle coste più a rischio in Giappone, Russia, Corea del Nord e Corea dl Sud.

La zona dell'epicentro del sisma si trova al confine tra ben 4 placche tettoniche: quella Euroasiatica, quella Pacifica, quella Nordamericana e quella delle Filippine.

Immagine
Credits: USGS, via INGV.
Avatar utente
Filippo Bonaventura
Content editor coordinator
Laureato in Astrofisica all’Università di Trieste e ha conseguito un Master in Comunicazione della Scienza presso la SISSA di Trieste. È stato coordinatore della rivista di astronomia «Le Stelle», fondata da Margherita Hack. Insieme a Lorenzo Colombo e Matteo Miluzio gestisce il progetto di divulgazione astronomica «Chi ha paura del buio?». Vive e lavora a Milano.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?