9 Giugno 2023
15:34

La Cina ha iniziato a perforare un pozzo di oltre 10.000 metri di profondità, ma a quale scopo?

Martedì 30 Maggio, nella regione dello Xinjiang, nella Cina nord-occidentale, gli scienziati cinesi hanno iniziato a trivellare il loro pozzo più profondo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
898 condivisioni
La Cina ha iniziato a perforare un pozzo di oltre 10.000 metri di profondità, ma a quale scopo?
Immagine
Credit: Xinhua/Shen Hong

La Cina sta perforando un pozzo di oltre 10.000 metri di profondità nel deserto di Taklamakan per studiare le aree profonde sotto la superficie terrestre ma anche a scopo di ricerca di riserve di idrocarburi. Il progetto di perforazione dovrebbe essere completato in 457 giorni e, se tutto va come da programma, è destinata ad essere un record mondiale per la velocità di esecuzione. In questo articolo vedremo come l'ambizioso progetto verrà realizzato e perché.

Le caratteristiche e lo scopo del progetto

Il progetto è iniziato il 30 maggio nel bacino del Tarim in Cina o, più precisamente, nel deserto di Taklamakan, il più grande e arido dell’entroterra Cinese – come riferito anche dai media statali.

Immagine

L'impianto di perforazione fatto su misura di 82 metri di altezza e che pesa più di 2.000 tonnellate penetrerà per oltre 10.000 metri e raggiungerà gli strati di roccia del Cretaceo formati tra 66 milioni e 145 milioni di anni fa. Tuttavia, gli esperti hanno spiegato che le condizioni nel bacino del Tarim sia in superficie che in profondità renderanno difficile la perforazione di un pozzo così profondo a causa della complesse strutture geologiche derivanti da un lunghissimo periodo di evoluzione.

Uno scienziato dell'Accademia cinese di ingegneria ha detto ai media statali: "la difficoltà del progetto può essere paragonata a guidare un grande camion su due sottili cavi d’acciaio”.

Immagine
Credit: Xinhua

I materiali, gli strumenti e le attrezzature di perforazione devono essere in grado di resistere a condizioni estreme relative alla profondità: alte temperature fino a 200°C e una pressione che è 1300 volte superiore a quella esterna.

Lo scalpello è dotato di una serie di sensori per misurare temperatura, pressione, umidità, eccetera e questi dati saranno utilizzati per acquisire una maggiore comprensione della geologia e per la ricostruzione paleo-climatica della terra: "il progetto andrà anche a beneficio della ricerca scientifica che si occupa della struttura interna e dell'evoluzione della terra e fornirà dati per la ricerca nel campo delle geoscienze", ha affermato la China National Petroleum Corporation (CNPC), il principale produttore nazionale di petrolio e gas del paese che guida anche il progetto.

Oltre che per la ricerca di idrocarburi la missione potrebbe aiutare a stimare i rischi di disastri naturali tra cui terremoti ed eruzioni vulcaniche.

Pozzo da record, ma non il più profondo!

Il pozzo sarebbe uno dei pochi  al mondo a superare i 10 km di profondità, ma il record per il pozzo più profondo appartiene ancora alla Russia con il “Kola Superdeep Borehole SG-3”, che ha richiesto 20 anni di lavoro per raggiungere una profondità di 12.262 metri. L'esplorazione della terra profonda è tra le quattro frontiere strategiche di ricerca scientifica per la Cina, le altre tre aree sono il mare profondo, il blu profondo (informatica e tecnologia dell'informazione) e lo spazio profondo.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?