Punteggio tennis: perché si conta 15, 30 e 40?

Una volta si usava un orologio analogico per segnare i punti e ogni quarto di giro corrispondeva a 1 punto: 15 primo punto, 30 secondo e 45 terzo. Ma allora perché oggi il terzo punto è 40?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
27 Gennaio 2024
11:23
1.325 condivisioni
Punteggio tennis: perché si conta 15, 30 e 40?
punteggio tennis perché 15 30 40

Un giocatore di tennis deve fare quattro punti per vincere la partita. Invece di un valore uno a uno, però, i punti tennis vengono assegnati in punteggi di 15, 30, 40 e 60. Il primo punto è 15 e 60 è il punto che decide il vincitore del gioco. Ma perché? Come mai i punteggi sono così "strani"? Il sistema di conteggio nel tennis ha una storia particolare che risale agli inizi dello sport del tennis.

In origine, il conteggio era basato su un orologio analogico e il percorso completo da zero a 60 rappresentava l'intera durata di un'ora. Le lancette si muovevano in senso orario: il primo punto guadagnava 15 minuti al giocatore, il secondo 30, il terzo 45 e l'ultimo punto 60. Quindi un punto corrisponde a un quarto di giro delle lancette.

tennis colpo

Ma allora perché oggi il terzo punto è 40 e non 45?

Il passaggio da 45 a 40 ha una spiegazione legata alla questione dei "vantaggi". Se si dovesse arrivare a 45 pari, non basterebbe solo 1 punto per vincere, ma ne servirebbero 2 consecutivi: nello spareggio infatti bisogna vincere con due punti di vantaggio. Se fosse rimasto il conteggio ogni 15 minuti, l'orologio avrebbe fatto altri due quarti di giro, "sforando" il giro completo.

Per evitare questo quindi hanno deciso di spostare la lancetta indietro di 5 minuti e di cambiare i nomi dei due punti successivi:  il primo punto dopo il 40 è chiamato "vantaggio" e il secondo punto vinto è sufficiente per vincere il gioco.

Oggi non si utilizza più l'orologio analogico per segnare i punti di una partita da tennis, ma è rimasto questo sistema numerico per il conteggio.

Sono un appassionato del mondo microscopico, a partire dalle molecole fino agli artropodi. La laurea magistrale in chimica mi ha permesso di avere gli strumenti necessari per comprendere il funzionamento del mondo, ma soprattutto ha saziato la mia fame di risposte. Curioso, creativo e con idee folli: date una videocamera, un drone o una chitarra al DeNa e lo renderete felice.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?