Sfondo burger-menu

Come si creano i diamanti sintetici in laboratorio?

I diamanti sintetici non sono diamanti falsi. Vengono prodotti in laboratorio attraverso principalmente tre metodi.

25 Novembre 2021
18:30
1.855 condivisioni
Come si creano i diamanti sintetici in laboratorio?
diamanti dalle ceneri dei defunti

I diamanti sintetici sono, a tutti gli effetti, dei diamanti prodotti in laboratorio. Quello che non tutti sanno è che oggi possono essere addirittura creati a partire dalle ceneri dei defunti! Lo sappiamo, è una cosa un po' macabra, ma esistono aziende specializzate proprio in questa pratica. In breve, il defunto viene cremato e, dalle ceneri, viene estratto un concentrato di carbonio. Questo sarà la base per il diamante! Come mostrato nel nostro video, la polvere ottenuta verrà infatti inserita all'interno di una speciale pressa che, replicando le condizioni di temperatura e pressione naturalmente presenti nelle profondità terrestri, trasformerà il carbonio in un gioiello.

Questo, però, è un caso molto particolare. Normalmente infatti i diamanti sintetici sono prodotti da semplice polvere di grafite o di diamante. Ma quali sono i principali processi per creare diamanti in laboratorio? Guarda il video per scoprirlo!

Iniziamo a dire che i diamanti sintetici non sono diamanti falsi: in quest'ultimo caso, infatti, non si parla affatto di diamanti ma soltanto di minerali dall'aspetto simile – solitamente zirconia cubica e moissanite.
Chiarito questo, possiamo dire che i diamanti sintetici si possono produrre utilizzando due diverse tecniche: HPHT (High Pressure – High Temperature) e CVD (Chemical Vapor Deposition).

Immagine

L'HPHT è una tecnica che cerca di riprodurre in laboratorio le condizioni di alta pressione e temperatura alle quali, in natura, si formano i diamanti. Per farlo si utilizzano delle speciali incudini che, spingendo le une contro le altre, possono raggiungere temperature tra i 1000°C e i 1400°C e pressioni tra le 50 e le 80 mila volte più alte rispetto a quelle presenti sulla superficie terrestre!
La CVD, invece sfrutta temperature inferiori – attorno ai 700-1300 °C – e pressioni molto basse, pari circa ad un decimo di quella atmosferica! La tecnica per funzionare pompa in una camera un vapore ricco di carbonio (come il metano). Grazie alla formazione di plasma, i legami del metano si spezzano e si depositano livelli di carbonio sull'iniziale seme di diamante.

differenza tra diamanti naturali e sintetici

Ma è possibile distinguere un diamante sintetico da uno naturale? E qual è il loro valore? Per scoprirlo non ti resta che guardare il video!

I "consigliati" da noi

Se hai letto questo articolo, potresti essere interessato a:

Avatar utente
Stefano Gandelli
Redattore
Sono un geologo appassionato di scrittura e, in particolare, mi piace raccontare il funzionamento delle cose e tutte quelle storie assurde (ma vere) che accadono nel mondo ogni giorno. Credo che uno degli elementi chiave per creare un buon contenuto sia mescolare scienza e cultura “pop”: proprio per questo motivo amo guardare film, andare ai concerti e collezionare dischi in vinile.
Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?