posti piu caldi

La ricerca dei luoghi più caldi sulla superficie della Terra ha da sempre suscitato fascino e curiosità tra gli scienziati, ma non solo. Per questo motivo, nel corso del tempo, sono diverse le città e le località che si sono contese il primato per le più alte temperature mai registrate. Se avete subito pensato alla Death Valley, in California, avete quasi indovinato… Il celebre deserto statunitense è certamente presente nella lista dei luoghi più caldi della Terra, col suo record di 56,7 °C, ma non occupa la prima posizione. Gli altri dove si trovano?

I luoghi più caldi del mondo

Vediamo quali sono i 5 luoghi più caldi del mondo, a partire proprio da quello in grado di raggiungere le temperature maggiori.

Dasht-e Lut, Iran

Dasht-e Lut, Iran

Al primo posto troviamo il deserto Dasht-e Lut, in Iran, dove il MODIS, uno spettroradiometro di proprietà della NASA  in grado di tracciare le evoluzioni climatiche dei luoghi che osserva, ha registrato l’incredibile temperatura sulla superficie del suolo di 70,7 °C. Si tratta della più alta mai registrata finora sul Pianeta.

Death Valley, la Valle della Morte, in California

death valley california

È impossibile non menzionare tra i luoghi più caldi della Terra la celebre Valle della Morte. Il record di temperatura per questa arida regione situata in California, negli Stati Uniti, è di 56,7 °C e venne registrato il 10 luglio del 1913 nella località di Furnace Creek, nel Greenland Ranch. Per molto tempo ha rappresentato la temperatura più alta mai raggiunta sulla Terra.

Onslow, Australia

onslow australia

Nella cittadina di Onslow, sulla costa occidentale dell’Australia, il 13 gennaio 2022 il termometro ha segnato ben 50,7 °C. Il dato ha pareggiato il vecchio record, risalente al 1960, di Oodnadatta, nell’Australia meridionale, ed è il valore massimo raggiunto nell’emisfero australe.

El Azizia, Libia

El Azizia

Quella di El Azizia è una storia molto curiosa che in parte riguarda il nostro Paese. Sì, perché il 13 settembre 1922 a El Azizia, avamposto italiano in Libia, il termometro in dotazione al Regio Esercito Italiano segnò ben 58°C. Per circa 90 anni questo dato ha rappresentato il record di temperatura più alta mai registrata. Poi una revisione dei dati a cura dell’Organizzazione meteorologica mondiale stabilì che si era trattato di un errore di sovrastima e che i valori reali erano più bassi. La temperatura reale raggiunse, infatti, i 51 °C.

Monte Huoyan, Cina

montagne fiammeggianti cina

Le Montagne Fiammeggianti, nella Cina settentrionale, sono uno dei luoghi più caldi del mondo. Si tratta di colline di arenaria rossa dove le temperature in estate non di rado raggiungono e superano i 50 °C.

Misurazione della temperatura di un luogo

La prima questione da affrontare quando si parla dei luoghi più caldi del mondo riguarda i metodi di misurazione della temperatura. Fino a qualche decennio fa i ricercatori avevano a disposizione misurazioni che potremmo definire poco affidabili, perché ottenute attraverso studi fatti in punti singoli della Terra e che dipendevano principalmente dall’ubicazione delle stazioni meteorologiche. L'idea diffusa era che si stessero verificando temperature più alte di quelle misurate, ma era piuttosto complesso individuare le zone in cui questo accadeva.
Oggi la misurazione standard delle temperature nelle stazioni meteorologiche viene effettuata a 1,5 metri di altezza dal suolo, da sensori protetti dalle radiazioni e posizionati in zone in cui viene garantita una libera circolazione dell’aria, in modo da restituire dati rappresentativi e reali.

In realtà, però, le temperature maggiori si registrano sulla superficie della Terra, dove l’energia termica è più concentrata. Coi metodi di rilevamento disponibili oggi i massimi (e i minimi) delle temperature globali possono essere mappati in maniera accurata e continua. I dati ottenuti vanno a costituire modelli spaziali dettagliati, in cui è possibile avere non solo i valori della temperatura superficiale nelle zone interessate, ma anche sapere quanto interferisca la presenza di vegetazione oppure di città o infrastrutture sulle misurazioni.

Land surface temperature: alla ricerca dei luoghi più caldi della Terra

"Land surface temperature" (LST) è il nome con cui la comunità scientifica definisce il valore della radiazione emessa dalla superficie della Terra, che – in pratica – corrisponde alla temperatura che percepiamo se tocchiamo il suolo. Più precisamente questo valore si riferisce alla chioma degli alberi nelle zone in cui è presente la vegetazione oppure al terreno nei luoghi che ne sono privi.
A questo punto dobbiamo tenere presente una cosa importante: l’aria non è un buon conduttore di calore (anzi, è da considerarsi un isolante) e per questo motivo la temperatura di superficie può essere molto superiore (o inferiore) rispetto alla temperatura dell’aria. Di quanto? Anche di 30 o 40 °C!
I dati sulla temperatura registrata nei luoghi più caldi del mondo di solito fanno riferimento proprio alla LST.

Bibliografia
https://modis.gsfc.nasa.gov/gallery/individual.php?db_date=2021-01-22
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1029/2006EO430002

Articolo a cura di
Arianna Izzi