14 Agosto 2023
8:30

Cos’è stato il “periodo caldo romano” e perché è diverso dal riscaldamento globale attuale

Il periodo caldo romano è avvenuto tra 200 a.C. e 400 d.C. ed è stato un periodo particolarmente caldo e umido in Europa e nel Mediterraneo. Secondo alcuni storici avrebbe addirittura favorito l'espansione di Roma. Ma ha qualche connessione con l'attuale riscaldamento globale?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Geopop
79 condivisioni
Cos’è stato il “periodo caldo romano” e perché è diverso dal riscaldamento globale attuale
periodo caldo romano

Il “periodo caldo romano” o “optimum climatico romano” è un periodo che va circa dal 200 a.C. al 400 d.C. in cui il clima dell’Europa, dell’area mediterranea e dell'Atlantico settentrionale è stato significativamente più caldo (1,5-2 °C) e umido dei secoli precedenti e successivi. Questo periodo è caratterizzato dalla progressiva nascita e dall'espansione dell'Impero romano. Secondo alcuni storici non è solo una coincidenza: probabilmente le condizioni climatiche particolarmente miti e stabili hanno favorito Roma.

Il clima caldo e umido su gran parte dell'Impero ne avrebbe infatti facilitato la crescita demografica e l’espansione. Al contrario, il lento ma costante raffreddamento del clima a partire dal 150 d.C. avrebbe influito sul declino di Roma. Vediamo le fasi di questo periodo, gli effetti che ebbe sugli eventi del tempo e infine i motivi per cui non è un fenomeno paragonabile all'attuale riscaldamento globale.

Il clima durante il periodo caldo romano

I paleoclimatologi, cioè gli studiosi del clima e delle variazioni climatiche del passato, hanno riscontrato che il periodo caldo romano è stato il più caldo degli ultimi 2000 anni nell'area europea, mediterranea e dell'Atlantico settentrionale. Gli studi realizzati, messi in relazione tra loro, hanno infatti restituito tutti risultati molto simili tra loro: evidenziano che tra il III secolo a.C. e il V d.C. la temperatura nelle zone indicate era più calda di circa 1,5-2 gradi rispetto ai valori medi dei secoli precedenti e successivi; inoltre si verificò un'intensificazione delle piogge, soprattutto in estate.

I motivi che hanno portato a questo riscaldamento sono naturali e fanno parte delle normali variazioni climatiche del nostro pianeta: ricostruendo il clima del passato si vede un lungo e progressivo riscaldamento della temperatura a partire dall’Olocene (iniziato 11.700 anni fa circa) che culmina nelle temperature più alte proprio durante il periodo romano. Nulla a che vedere con il repentino e brusco riscaldamento che sta avvenendo ora, peraltro a livello globale e non localizzato.

Un'altra prova del verificarsi del periodo caldo romano viene anche da alcune fonti storico-letterarie: alcuni autori scrissero che in Grecia crescevano le palme da dattero, mentre Plinio scrisse che i faggi, che normalmente si trovavano in pianura, cominciavano a crescere anche sui monti.

Immagine
Palma da dattero

Come il clima ha favorito la civiltà romana

Le favorevoli condizioni climatiche dell'optimum climatico romano sono probabilmente state un fattore importante per lo sviluppo e l’espansione della civiltà romana:

  • Il clima più caldo avrebbe agevolato alcune spedizioni militari romane, in particolare le conquiste a nord delle Alpi, in Gallia, Britannia e Germania.
  • Le piogge estive più intense avrebbero garantito acqua e prosperità alle città romane: nel I e nel II secolo d.C., ad esempio, le piene del Tevere cadevano in marzo ed agosto. Oggi, invece, cadono in inverno, mentre durante l’estate si parla sempre più spesso di siccità.
  • La temperatura più alta, combinata con l’aumento delle piogge estive, avrebbe favorito lo sviluppo dell’agricoltura. Questo si sarebbe tradotto in abbondanza di raccolti e in un aumento delle superfici coltivabili. Alcune fonti testimoniano come in Nord Africa, in terreni oggi desertici, fosse possibile coltivare su terreni fertili.
Immagine
Impero Romano al momento della sua massima espansione nel 117 d.C. (credit: Tataryn)

La caduta dell'Impero forse influenzata dal clima

L’Impero romano fiorì fino a circa il 150 d.C., periodo in cui raggiunse il suo massimo splendore. Dalla metà II secolo d.C., però, iniziò una fase climatica di transizione: Il periodo post-romano è stato caratterizzato da un raffreddamento progressivo della temperatura fino a circa – 4,5 °C, che si è concluso solo la Piccola Era Glaciale (avvenuta circa nel 1700). Un clima più freddo e una maggiore siccità avrebbero causato numerosi problemi all'Impero romano, influenzandone la caduta. Il nuovo clima, infatti, avrebbe presentato numerose sfide:

  • Il freddo e la siccità avrebbero causato più insicurezza nei raccolti agricoli, rendendo più difficile sfamare l’intera popolazione;
  • Il nuovo clima avrebbe favorito la circolazione di virus e batteri precedentemente sconosciuti, che avrebbero causato pestilenze ed epidemie;
  • Il clima freddo del nord Europa avrebbe fatto sì che le popolazioni del nord migrassero verso i confini dell’Impero romano.

Tutti questi elementi avrebbero fortemente influito sul declino della civiltà romana.

Immagine
Mappa con le migrazione dei popoli germanici

La differenza con il riscaldamento globale di oggi

Le temperature dell’aria e del mare durante il periodo caldo romano erano abbastanza simili a quelle che viviamo oggi. Sebbene i valori siano molto simili, però, i due periodi sono totalmente diversi. L’optimum climatico romano, infatti, è stato lungo e progressivo. Il cambiamento climatico che vediamo oggi, invece, è stato incredibilmente rapido, in linea con la maggiore concentrazione di CO2 nell’aria, causata dalle emissioni provocate dalle attività umane a partire dalla metà dell'800. A causa di questa velocità, negli ultimi decenni, abbiamo assistito a un aumento dei fenomeni estremi (piogge, tempeste, frane) che invece non era presente nel periodo caldo romano. Proprio perché il cambiamento climatico è così veloce, infatti, l’ambiente fa fatica a trovare un nuovo equilibrio e ciò si traduce in fenomeni più intensi e dannosi per le attività umane.

Sfondo autopromo
Cosa stai cercando?
api url views